9 dicembre 2016

Ponte di Nona – Nuova stazione sulla FL2 Roma-Tivoli-Pescara

 

Il Presidente della Regione Lazio ha visitato insieme all’Assessore alle Politiche del Territorio e alla Mobilità, Michele Civita, e al direttore Investimenti di Rete Ferroviaria Italiana Aldo Isi la nuova stazione Ponte di Nona della linea regionale FL2 Roma-Tivoli-Pescara. La stazione di Ponte di Nona, dopo anni di attesa, grazie allo sforzo del Gruppo FS Italiane è attiva dallo scorso 4 aprile con 57 treni al giorno. L’offerta di 40mila posti nei giorni feriali consente ai pendolari del quadrante Roma Est di usufruire di un nuovo e importantissimo mezzo di trasporto che in 23 minuti porta alla stazione Tiburtina, uno dei nodi di interscambio più grande di Roma. Un significativo passo in avanti per la mobilità di migliaia di cittadini che risiedono nei quartieri di nuova costruzione che sono sorti in quel quadrante negli ultimi anni.

La tipologia della fermata Ponte di Nona è simile a quelle già realizzate negli ultimi anni sulla linea FL2 Roma –Tivoli – Pescara: nuovi marciapiedi con standard metropolitano (alti 55 cm come previsto dalla normativa europea) per facilitare l’entrata e l’uscita dai treni; percorsi tattili per ipovedenti; un sottopassaggio per l’attraversamento dei binari, pensiline, scale, rampe di accesso e un fabbricato per apparecchiature tecnologiche.Infine, la stazione è dotata di un impianto di illuminazione a led e di quattro cancelli elettrici agli ingressi pedonali per la chiusura nelle ore notturne. Istallato anche un sistema di video sorveglianza.

“Questa stazione non è una parentesi nel deserto, ma è parte della rinascita del trasporto su ferro. E’ un esempio che dimostra che Roma cambia e migliora nella qualità dei servizi”, ha affermato Zingaretti. “In due anni e mezzo – ha aggiunto – abbiamo messo sui binari nuovi treni, ora l’83% dei treni per i pendolari sono nuovi, in due anni saranno il 100%. Partivamo da una situazione drammatica, ma adesso la strada è tracciata. Ora la frequenza dei treni all’interno di Roma è entro i 10 minuti. Ci sono poi risorse per 150 milioni nel prossimo quinquennio – ha ricordato il governatore – di cui 19 per i nodi di scambio, 20 per Roma Capitale per acquistare bus ecologici, 19 per la mobilità intelligente. Prima erano parole, ora abbiamo realizzato i fatti.”. Il direttore investimenti di Rete Ferroviaria Italiana Aldo Isi ha sottolineato gli altissimi standard di accessibilità della fermata: “Nuovi marciapiedi alti 55 centimetri come previsto dalle norme Ue – ha spiegato – percorsi tattili per ipovedenti, sottopassaggio, pensiline, scale, rampe di accesso e un fabbricato per apparecchiature tecnologiche. La stazione è dotata di illuminazione a led e di quattro cancelli elettrici agli ingressi pedonali per la chiusura nelle ore notturne, e c’è anche un sistema di videosorveglianza”. “Per noi questa stazione rappresenta un ulteriore passo in avanti per la riorganizzazione del sistema dei trasporti e per garantire maggiore velocità negli spostamenti dei cittadini che abitano in questo quadrante”, ha detto l’assessore alla Mobilità della Regione Lazio, Michele Civita.

Con i lavori in corso per il raddoppio della linea tra Lunghezza e Guidonia (circa 10 chilometri), sarà possibile aumentare la frequenza dei convogli fino a 15 minuti da Roma Tiburtina fino a Bagni di Tivoli (56mila abitanti circa serviti) e Guidonia (90mila abitanti circa serviti). Il potenziamento delle linee Atac nei quartieri Ponte di Nona, Castelverde, Osteria dell’Osa, Colle Prenestino e zone limitrofe ha consentito di mettere in rete la nuova fermata della FL2 con la Metro C.La zona in cui sorge la stazione è adiacente la via Collatina, all’altezza del sotto attraversamento dell’autostrada A24. Vicino alla nuova fermata è già presente un parcheggio di circa 1.000 posti auto e stalli per bus turistici, che servono i flussi provenienti dalla A24 e bus del Tpl locale che confluiscono sulla FL2.

About Emanuele Bompadre 8279 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.