8 dicembre 2016

On. Verini (PD): “Quello di Morosini è stato un infortunio serio.”

Walter Verini, deputato del Pd e membro della Commissione Giustizia della Camera, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alle presunte dichiarazioni del consigliere del Csm Morosini. “Il problema principale in Italia sono i corrotti e i corruttori, non certo i magistrati –ha affermato Verini-. Però ho alcune serie perplessità nei confronti di alcune cose dei magistrati, mi riferisco al colloquio che Morosini ha avuto questa mattina. Io non sono uno di quelli che dicono che i magistrati devono parlare solo con le sentenze, è anche utile che su grandi questioni esprimano le loro opinioni. L’intervista di questa mattina però è di un militante, un propagandista. Mi è sembrato quasi di risentire un Ingroia, che a un certo punto della sua vita si è caratterizzato più per le posizioni politiche che non per l’applicazione e l’esercizio della giurisdizione. In questo senso i peggiori nemici della magistratura sono alcune deviazioni che in questi anni hanno caratterizzato il correntismo esasperato. Quello di Morosini è stato un infortunio serio. Credo che questi comportamenti che sanno di propaganda politica debbano essere certamente evitati per non scalfire la credibilità e terzietà dell’esercizio della professione del magistrato. E’ stata una cosa molto grave, lui l’ha ridimensionata, ma resta grave. La prova che l’iniziativa di Morosini è stata pessima è data anche dalle parole di Calderoli che ha detto ‘faccio mie le parole di Morosini’. Ieri anche quella di un membro laico del Csm come l’on. Fanfani è stata un’altra iniziativa sbagliata, non ho apprezzato e condiviso le sue parole. Però non li metto sullo stesso piano. Quella di Fanfani stata un’iniziativa personale di un membro laico, non togato. Quella di Morosini invece fa perdere credibilità al principio di terzietà della magistratura”.

Pd nel mirino della magistratura a causa delle riforme del governo? “Sono convinto che non sia così –ha affermato Verini-. Non ci sentiamo nel mirino di nessuno. Noi cerchiamo di riformare la giustizia partendo dalle esigenze di sistema della Giustizia. Anche nel campo della lotta alla corruzione abbiamo fatto delle leggi anche con il contributo di settori della magistratura che hanno appoggiato queste leggi. La magistratura faccia il suo dovere, noi abbiamo il dovere di metterla nella migliore maniera di esercitare, lo si faccia in autonomia senza invasioni di campo, senza pensare che la magistratura possa sostituirsi alla politica e la politica minare l’attività della magistratura”.

La questione morale. “La questione morale in Italia esiste e riguarda la politica, la società, settori dell’impresa e delle professioni –ha spiegato Verini-. La parte negativa della politica spesso rappresenta la parte negativa della società. Il Pd ha oltre 50mila amministratori e ci sta che ci siano forze che vogliano penetrare in maniera illecita la politica. Ma questo accade anche in realtà come il M5S. Parlare di questione morale che riguarda solo un partito è pura propaganda politica.

Fonte Radio Cusano Campus