4 dicembre 2016

Napoli, Carfagna: “In campo in prima persona per Lettieri”

La deputata Mara Carfagna, capolista di Forza Italia a Napoli, è intervenuta questa mattina a Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Mara Carfagna è tornata sulla sua decisione di scendere in campo in prima persona: “Ho scelto di scendere in campo perché abbiamo un’occasione storica, un’opportunità straordinaria, conquistare la guida della terza città d’Italia dopo decenni di cattiva amministrazione. Dobbiamo rimettere in piedi Napoli, risollevarla dal degrado, lenire i mali che le sono stati inferti. Voglio essere della partita perché so che è difficile questa sfida ma non impossibile. I sondaggi? Credo che i veri sondaggi si facciano nelle urne, in ogni caso Lettieri è in riavvicinamento verso De Magistris. E’ incredibile pensare che De Magistris sia ancora in cima ai sondaggi, ha lasciato una città più indebitata, più sporca, più caotica, iniqua, insicura. L’ordine pubblico è un’emergenza,il tasso di disoccupazione è il doppio rispetto a quello nazionale, solo due bambini su cento trovano spazio negli asili nido, insomma c’è tanto da fare, questa è l’ultima chiamata per Napoli. C’è la possibilità di scegliere tra chi ha fatto solo propaganda e chi, come Gianni Lettieri, ha già dimostrato di saper fare qualcosa di buono e non ha bisogno della politica per fare carriera. Il suo progetto è volto esclusivamente al bene e all’interesse della città. Il momento è drammatico, la sfida è enorme. O riusciamo adesso a dare a Napoli una amministrazione efficiente o sarà sempre più difficile risolvere i problemi di questa città”.

Sulle divisioni all’interno del centrodestra questa l’opinione di Mara Carfagna: “E’ un peccato che il centrodestra si sia diviso, mi auguro che siano incidenti di percorso. Abbiamo il dovere di riprendere il dialogo, la metà campo del centrodestra va ricostruita e riorganizzata, abbiamo il dovere di farlo perché la maggioranza dei cittadini italiani non si riconosce nella demagogia di Grillo né nella propaganda di Matteo Renzi”.

Fonte Radio Cusano Campus