Parisi (Ala): “La scelta di Berlusconi a Roma non ha nulla a che vedere con il patto del Nazareno”

Massimo Parisi, deputato di Ala, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Sull’appoggio di Berlusconi a Marchini.Non c’entra nulla il patto del Nazareno –ha affermato Parisi-. Al di là della strumentalizzazione politica, questa scelta di Berlusconi non ha questa natura, non è un riposizionamento di FI verso il centro o un ritorno al patto del Nazareno. Berlusconi ha fatto una scelta intelligente nell’ambito di una contesa nel centrodestra per chi detiene lo scettro e le chiavi del comando. Andare su Marchini è tutt’altro che un favore a Renzi. Avere 4 candidati di centrodestra per il Pd è più facile che averne due. La lettura di Salvini e Meloni ha poco senso logico ed è prematura in chiave nazionale. In queste ore i dirigenti nazionali di Fi stanno dicendo ai territori di non partecipare a manifestazioni pro-referendum costituzionale. La scelta di Roma dipende dal tentativo di riprendersi la scena e ridefinire il profilo del centrodestra, comunque alternativo a Renzi. Se così fosse diventerebbe interessante anche per noi, ma mi sembra prematuro. Se fosse un definitivo distacco dalla destra di Salvini e Meloni noi saluteremmo questo fatto con favore, ma ad oggi non è così. Ci sono le elezioni, ci sarà un risultato, probabilmente un ballottaggio e poi vedremo gli sviluppi”.

Partito della Nazione. “Allo stato è pura futurologia. E’ già complicato interpretare il presente. Renzi è il presidente del consiglio e segretario del Pd, ha le chiavi della ditta, non mi immagino che lasci il Pd per fare un partito della nazione. Lo riterrei positivo, ma non mi pare attuale la questione. Noi ci guardiamo intorno, ci organizziamo e crediamo che l’area centrista debba essere ristrutturata e presentarsi anche in maniera autonoma”.

La battuta di Grillo sul sindaco di Lodi che secondo lui farà carriera con Verdini. “Non mi sento offeso -ha affermato Parisi-. Al momento l’unico condannato con sentenza passata in giudicato è Beppe Grillo. Le sue sono dichiarazioni irrilevanti”.

Fonte Radio Cusano Campus

I video del giorno