3 dicembre 2016

Il Ducati Team è arrivato a Le Mans per il Gran Premio di Francia

LE MANS, FRANCE - JUNE 14: Cars go through the Dunlop Bridge Chicane during the 76th running of the Le Mans 24 Hour race at the Circuit des 24 Heures du Mans on June 14, 2008 in Le Mans, France. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)
Dopo aver completato ieri una giornata di test al Mugello, il Ducati Team è arrivato in Francia per affrontare il quinto round del campionato, in programma sul circuito francese di Le Mans.
La pista che ospita le gare di moto – il Circuito Bugatti – fa ormai parte della storia delle competizioni motoristiche e, anche se condivide solo in parte il Circuit de la Sarthe dove ogni anno si svolge la leggendaria 24 Ore automobilistica, offre davvero uno spettacolo affascinante agli appassionati francesi che affollano sempre numerosi gli spalti del circuito.
Andrea Dovizioso è riuscito spesso ad ottenere dei buoni risultati a Le Mans, qualificandosi sempre in prima fila per la gara negli ultimi cinque anni. Dovi è salito sul podio tre volte in MotoGP, l’ultima volta la scorsa stagione quando si è piazzato al terzo posto dopo essersi qualificato con il secondo miglior tempo. Il miglior risultato di Andrea Iannone, nelle sue tre partecipazioni in MotoGP a Le Mans, è stato invece il quinto posto dello scorso anno.
Nei giorni scorsi tra le attività di Ducati Corse vi è anche stata un’attenta analisi delle cause che hanno portato al ritiro Andrea Dovizioso nel corso del decimo giro a Jerez, nel GP di Spagna. Il risultato ha evidenziato che il ritiro della Desmosedici GP numero 4 non è stato causato da un guasto alla pompa dell’acqua, ma bensì da un problema ad un altro particolare che ne ha pregiudicato il corretto funzionamento.  Ducati Corse desidera quindi ribadire la sua massima fiducia nella qualità dei prodotti forniti da OMP, azienda che da molti anni è un partner estremamente affidabile del reparto corse di Borgo Panigale.
Il programma del GP di Francia inizierà venerdì mattina con la prima sessione di prove libere alle 09.55, mentre la gara, sulla distanza di 28 giri, è prevista per domenica alle ore 14.00.
Andrea Iannone (Ducati Team #29) – 10° (25 punti)
“Oggi siamo arrivati a Le Mans, che è una pista che mi piace molto. L’anno scorso è stata una gara positiva per me e sono stato veloce, nonostante avessi la spalla infortunata dalla caduta nei test del Mugello. Il mio approccio è quindi tranquillo e positivo, perché so che quest’anno abbiamo davvero un ottimo potenziale. Ovviamente, dopo le difficoltà che abbiamo avuto a Jerez, ora dobbiamo cercare di mantenere alta la nostra competitività in tutte le prossime gare.”
Andrea Dovizioso (Ducati Team #04) – 11° (23 punti)
“Con le nuove gomme quest’anno è davvero difficile sapere come sarà il circuito prima di essere scesi in pista il venerdì mattina. Ogni weekend di gara è completamente diverso da quello precedente e quindi bisogna ricominciare sempre il lavoro. Dovremo capire come funzionano le gomme qui sulla mia Desmosedici GP, ma sono fiducioso perché Le Mans è una pista dove riesco sempre ad esprimere il mio potenziale e quindi speriamo di avere la possibilità di essere competitivi e poter lottare con i primi.”
Il Circuito di Le Mans
Il circuito ‘Bugatti’ si trova 5 km a sud della città di Le Mans e circa 200 km al sudest di Parigi. Costruito nel 1965 attorno alla pista della 24 Ore di Le Mans, alla fine degli anni sessanta il tracciato viene scelto per ospitare un Gran Premio del Motomondiale. Dopo alcuni anni la prova di Le Mans scompare dal calendario del Campionato del Mondo fino alla stagione 2000, mentre venivano effettuati dei lavori per migliorare la sicurezza del tracciato. La pista è piuttosto stretta ed è caratterizzata da curve particolari, che obbligano il pilota a fare brusche frenate e improvvise accelerazioni. Il circuito ha una capienza di oltre 100.000 spettatori, e il tracciato ha cinque curve a sinistra e nove a destra.
Giro più veloce in gara: Marquez (Honda), 1’32”042 (163,6 km/h) – 2014
Record del Circuito: Rossi (Yamaha), 1’32”879 (162,2 km/h) – 2015
Miglior Pole: Marquez (Honda), 1’32”042 (163,6 km/h) – 2014
Velocità massima: Iannone (Ducati), 316,6 km/h – 2015
Lunghezza pista: 4,2 km
Lunghezza gara: 28 giri (117,2 km)
Curve: 14 (5 a sinistra, 9 a destra)
Inizio gara: 14.00 CET
Così nel 2015
Podio: 1° Lorenzo (Yamaha), 2° Rossi (Yamaha), 3° Dovizioso (Ducati)
Pole: Marquez (Honda), 1’32”246 (163,3 km/h)
Giro più veloce: Rossi (Yamaha), 1’32”879 (162,2 km/h)
Andrea Dovizioso
Moto: Ducati Desmosedici GP
Numero di gara: 04
Età: 30 (nato il 23 marzo 1986 a Forlimpopolì)
Residenza: Forlì (Italia)
Gare: 244 (146 x MotoGP, 49 x 250cc, 49 x 125cc)
Primo GP: 2001 Gran Premio d’Italia (125cc)
Vittorie: 10 (1 x MotoGP, 4 x 250cc, 5 x 125cc)
Prima vittoria: 2004 Gran Premio di Sudafrica (125cc)
Pole: 16 (3 x MotoGP, 4 x 250cc, 9 x 125cc)
Prima Pole: 2003 Gran Premio di Francia (125cc)
Titoli Mondiali: 1 (1 x 125cc)
Andrea Iannone
Moto: Ducati Desmosedici GP
Numero di gara: 29
Età: 26 (nato il 9 agosto 1989 a Vasto, Italia)
Residenza: Vasto (Italia)
Gare: 182 (55 x MotoGP, 51 x Moto2, 76 x 125cc)
Primo GP: 2005 Gran Premio di Spagna (125cc)
Vittorie: 12 (8 x Moto2, 4 x 125cc)
Prima vittoria: 2008 GP di Cina (125cc)
Pole: 9 (1 x MotoGP, 5 x Moto2, 3 x 125cc)
Prima Pole: 2008 GP di Malesia (125cc)
Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.