4 dicembre 2016

Polemica sullo spot del Giro D’Italia, interviene il Presidente della FMI Paolo Sesti

Guardando, in questi giorni sulle reti RAI, lo spot che promuove il Giro D’Italia 2016 senza audio siamo affascinati dalle immagini che ci raccontano un grande sport, la storia di uomini che mettono a dura prova i propri limiti e, senza risparmiarsi, portano a termine gare memorabili. Il pubblico è partecipe anche fisicamente e fa sentire il proprio calore e desiderio di vittoria ai corridori impegnati a concludere la gara.

Ma appena si aziona l’audio, quelle immagini cariche di passione sono rovinate dalla retorica di un voce narrante che contrappone il ciclismo al motociclismo. Un copione sbagliato che ha il fine di esaltare una disciplina sportiva (il ciclismo) ai danni di un’altra (il motociclismo). L’autore, dimentico che sta parlando di sport dove il fair-play è la prima regola ed il rispetto per gli avversari una delle conseguenze più immediate, si avventura lungo il sentiero della comparazione per antitesi che presto diventa esaltazione del ciclismo attraverso la riduzione del motociclismo. Fino ad arrivare all’ultima battuta del copione, idea ispiratrice di tutto lo spot, che riferendosi ai corridori dice: “sono i grandi eroi del ciclismo il vero sport su due ruote”.

Naturalmente questa promozione ha suscitato critiche tra gli appassionati di motociclismo, ma credo non sia piaciuto neppure ai molti ciclisti che amano il loro sport incondizionatamente e non perché è meglio del motociclismo.

Tra i commenti allo spot del Giro D’Italia è arrivato anche quello del Presidente della Federazione Motociclistica Italiana, Paolo Sesti, che ha dichiarato: “Sono rimasto negativamente colpito da quello spot non solo perché il ciclismo viene definito come il vero sport su due ruote, ma soprattutto per la metodologia della contrapposizione: l’esaltazione di una specialità sminuendo, con continui riferimenti, il valore di un’altra è operazione superficiale e non corretta, forse realizzata da chi non conosce davvero bene né il ciclismo né il motociclismo. Due mondi preziosi e gloriosi per lo sport italiano che hanno, entrambi, scritto pagine epiche a livello internazionale. Motociclismo e ciclismo non si sono mai contrapposti perché nati dalla passione comune per quei valori che solo lo sport al più alto livello può esprimere. In definitiva uno spot che non rende merito a nessuno, ma che soprattutto danneggia l’immagine dei nostri piloti ed appassionati. Una caduta di stile inaspettata, soprattutto dalla RAI!”.