L’idea di Virginia Raggi

“Abbiamo l’idea tramite il sito del Comune di Roma, dove è possibile la registrazione univoca tramite codice fiscale, dipoter realizzare il voto online con petizioni e consultazioni elettroniche, per avere un rapporto diretto con tutta la cittadinanza perché il sindaco è il sindaco di tutti. Vogliamo quindi rendere Roma Capitale la città di tutti, dove tutti possono partecipare. Avevamo già depositato questa proposta che però non è andata avanti perché i partiti sono stati sordi, mentre invece per noi la partecipazione è fondamentale”. Lo ha detto il candidato sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle, Virginia Raggi,intervenendo ai microfoni di Radio Radicale, a chi le chiedeva come fosse possibile legittimare le votazioni online degli iscritti M5S sulle singole questioni di governo, se dovesse diventare primo cittadino, a confronto con i milioni di abitanti della Capitale.

“I cittadini devono entrare nelle istituzioni, basta con i politici di mestiere che fanno questo per tutta la vita, una vera casta, che non fanno altro che passare da uno scranno all’altro perdendo il senso della realtà. Noi vogliamo portare dentro i cittadini, dar loro un tempo massimo di due mandati, dare vita a un ricambio della classe di governo e poi tornare a fare i cittadini. Non si deve pensare al proprio orticello, ma all’orto di tutti”.

Fonte: agenzia dire

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8311 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.