9 dicembre 2016

GP di Francia, è sfida aperta nella classe regina

Arrivati al GP di Francia tre nomi dominano la classifica del Campionato del Mondo MotoGP™ 2016, Marc Marquez, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi; tre piloti che hanno fatto la storia delle recenti stagioni della classe regina e non solo dell’infuocato 2015.

A guidare la classifica iridata in vista del quinto appuntamento stagionale sulla pista di Le Mans è il numero 93 Repsol Honda. Con 82 punti e quattro podi in quattro gare, due dei quali sul gradino più alto, Marquez ha imposto il suo ritmo alla massima serie. Nell’ultima sua vittoria texana il talento di Cervera ha fatto il vuoto mentre a Jerez ha atteso i 16 punti iridati tranquillamente alle spalle dei due portacolori Movistar Yamaha Rossi e Lorenzo dimostrando grande maturità nell’interpretare la gara e nell’affrontare i problemi di gomme. 17 punti sul secondo non possono far parlare di campionato chiuso ma il pilota HRC è sembrato il più completo e costante fino ad ora. L’anno scorso a Le Mans Marquez arrivò quarto.

Come Marquez anche Jorge Lorenzo è stato braccato dai problemi alle mescole con il posteriore in continuo pattinamento sul lungo rettilineo andaluso. Questo problema gli ha impedito di battagliare alla pari con il compagno di box e rivale Valentino Rossi ma il secondo posto sul podio gli ha permesso di mantenersi nella stessa posizione iridata con 65 punti. Tra i tre piloti di vertice Lorenzo è quello con più vittorie sulla pista francese e l’ultima di queste è arrivata proprio l’anno scorso

Rossi, terzo della classifica iridata e trionfatore di Spagna, ha confermato la sua ottima forma e la grande ripresa dopo la caduta in Texas. Il Dottore è a 24 punti da Marquez e in ascesa dopo un inizio ben diverso dalla prima parte di stagione 2015. Sulla pista francese il numero 46 ha vinto tre volte, l’ultima delle quali risale al 2008 e l’anno scorso arrivò secondo.

Io meteo svolge spesso un ruolo importante nel GP di Francia e potrebbe portare anche al successo di un altro nome oltre a quelli di vertice. Da considerare quindi Dani Pedrosa, compagno di scuderia di Marquez e da inizio stagione con i piloti di vertice. In classifica iridata è quarto con quaranta punti ma pilota di Sabadell non sembra avere il passo per lottare con i primi tre. Ma Pedrosa non è nuovo di vittorie qui e, oltre ai primo posti nella categorie inferiori ha già vinto il GP di Francia, classe MotoGP™, nel 2013.

Da seguire, perché tra i possibili pretendenti alle posizioni che contano, è Maverick Viñales. Il pilota Suzuki Ecstar arriva dalla bella prova durante i test di Jerez de la Frontera e questa stagione è tra i protagonisti dell’alta classifica dando l’impressione di poter essere sempre ad un passo dal podio, risultato che comunque manca fino ad ora. Il tracciato di Le Mans dovrebbe essere adatto alle caratteristiche della sua GSX-RR e qui il numero 25 Suzuki vinse due GP quando era nella cilindrata più bassa prima con l’Aprilia e poi con la KTM.

In attesa di conferme anche il suo compagno di box, Aleix Espargaro che sta migliorando costantemente ad ogni turno. Arriva in Francia con due quinti posti conquistati negli ulti GP, i suoi migliori risultati consecutivi nella classe.

Il SP di Spagna è risultato essere ancora da dimenticare per Adrea Dovizioso, fermato da un problema alla pompa dell’acqua. Le Ducati però sono sempre andate bene su suolo francese e lo stesso Dovizioso nel 2015 arrivò terzo. Un buon risultato nella gara transalpina potrebbe essere l’ancora di salvezza per il pilota forlivese che ha bisogno di punti preziosi. Stesso discorso vale per il suo compagno di box Andrea Iannone dopo un inizio 2016 buio si sta risollevando con il podio di Austin e dal settimo posto in Andalusia. Il team Ducati sarà impegnato nei test privati del Mugello; in aggiunta ai quelli della settimana scorsa a Jerez possono dare ancora risposte utili in vista dell’appuntamento francese.

L’unico pilota transalpino della classe regina è Loris Baz. Il portacolori Avintia Racing fino ad ora ha vissuto un brutto inizio stagione caratterizzato da cadute e ritiri ma rispetto al suo esordio nella categoria, avvenuto la scorsa stagione con una Yamaha Open, quest’anno è in sella ad una moto più competitiva. Il supporto del pubblico di casa potrà aiutarlo ad interpretare una buona gara.

Nella massima categoria non c’è solo un pilota francese ma anche una scuderia transalpina che a Le Mans si sentirà a casa. Il team Monster Yamaha Tech3 con i suoi piloti Pol Espargaro e Bradley Smith è pronto per dare il massimo nel GP di Francia e difendere il quinto posto iridato dello spagnolo come miglior pilota non ufficiale.

Il Monster Energy Grand Prix de France inizierà il 6 maggio. I piloti della classe regina scenderanno in pista alle 9:55 locali per le prime prove libere.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.