9 dicembre 2016

Cisterna di Latina – Disagio abitativo, nuove forme di contributi nonostante i tagli regionali

Contributo affitto, Bonus alloggiativo e Vaucher per sistemazione temporanea: sono questi i nuovi strumenti che i comuni del Distretto Socio-sanitario LT/1 hanno messo in campo per contrastare il disagio abitativo. Interventi necessari, visto che nel 2016 Aprilia, Cisterna, Cori e Rocca Massima non riceveranno i contributi regionali per aiutare le famiglie non in grado di pagare l’affitto di casa.
Per questo, nei Piani di Zona sono stati stanziati 600 mila euro per il prossimo biennio.
Contributi ai quali, per la prima volta, avranno accesso anche chi sta per essere sfrattato o chi sta lasciando il tetto coniugale dopo una separazione.
La priorità sarà comunque per quei nuclei familiari caratterizzati dalla presenza di anziani ultra 67enni, di portatori di handicap grave, di invalidi civili totali, di genitori soli con figlio o figli minorenni.
Il Contributo affitto ha l’obiettivo di sostenere famiglie o singoli cittadini che, per condizioni socio-economiche determinate e certificabili intercorse negli ultimi 18 mesi (perdita o riduzione del reddito familiare), non riescono a garantire il regolare pagamento del canone di locazione dovuto e quindi incorrono o potrebbero incorrere in una situazione di morosità incolpevole. Ad essi viene corrisposto, in relazione al canone di locazione sostenuto per l’anno 2015 o per eventuali frazioni di esso, un contributo integrativo, la cui entità viene calcolata in proporzione alle risorse finanziarie disponibili.
Il Bonus alloggiativo, invece, consiste in un contributo economico finalizzato a sostenere quei nuclei familiari che, a seguito della perdita o riduzione del reddito familiare, sono incorsi in una procedura esecutiva di sfratto e siano stati posti in essere negli ultimi sei mesi diversi tentativi per il rilascio dell’abitazione. Oppure quelli che, dopo il 1° gennaio 2015, hanno avviato un procedimento di separazione legale dal coniuge assegnatario e siano, per conseguenza, in procinto di lasciare la casa familiare. L’incentivo ha l’obiettivo di sostenere coloro che si trovano in condizione di doversi ricollocare presso una nuova abitazione. A loro sarà riconosciuto un contributo una tantum e non potrà superare i 2mila euro.
Infine, il Voucher per sistemazione temporanea in emergenza riguarderà quei cittadini che, a seguito di sgombero dovuto a un provvedimento di sfratto portato ad esecuzione, si trovano costretti a lasciare le loro abitazioni. Il voucher è disposto per un periodo massimo di 10 giorni dai Servizi Sociali, che provvederanno a reperire la struttura ricettiva di emergenza. Il finanziamento, una volta approvato, sarà erogato direttamente alla struttura ospitante.
I cittadini di Cisterna dovranno presentare la domanda di partecipazione compilando i modelli scaricabili nella sezione “Servizi sociali” del sito istituzionale www.comune.cisterna-di-latina.latina.it dove è possibile, inoltre, reperire maggiori informazioni sull’Avviso.
La domanda di partecipazione al Bando dovrà essere inviata a mezzo raccomandata al Comune di Cisterna di Latina oppure recapitata a mano presso l’Ufficio Protocollo dello stesso ente (via Zanella,2) non oltre le ore 11 del 10 giugno 2016.
Per quanto riguarda il Voucher per sistemazione temporanea in emergenza, le domande possono essere presentate fino al 31 dicembre 2016, salvo comunicazione dal parte dei Comuni del Distretto di esaurimento delle risorse disponibili.
La graduatoria definitiva sarà distrettuale, quindi terrà conto di tutte le domanda pervenute ad Aprilia, Cisterna, Cori e Rocca Massima.

About Giovanni Soldato 2964 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.