10 dicembre 2016

WEC, 6 Ore di Spa-Francorchamps, Rigon: “Ricordi bellissimi legati a questa pista”

Il Mondiale Endurance è pronto a sbarcare a Spa-Francorchamps, pista sinonimo di tanti successi per Davide Rigon, al volante di monoposto così come di vetture GT. Fresco della vittoria nella gara inaugurale di Silverstone al volante della Ferrari 488 GTE in coppia con l’inglese Sam Bird, il pilota veneto di AF Corse è determinato a portare sul podio la vettura di Maranello tra gli spettacolari scenari delle Ardenne e le numerose insidie nascoste lungo i 7 km di pista. Non va poi dimenticata la concorrenza, come sempre più agguerrita che mai.

 

Come l’anno scorso l’intero programma del secondo appuntamento del FIA World Endurance Championship sarà anticipato di un giorno, con le prove libere giovedì 5 maggio e lo start della 6 Ore programmato per le 14,30 di sabato. Questa gara sarà anche un’importante banco di prova per la nuova arma di Maranello che si è dimostrata fin qui piuttosto affidabile, anche se una 24 Ore può sempre riservare colpi di scena di ogni tipo.

 

Da sempre Davide ha un legame particolare con l’impegnativo e selettivo tracciato belga che ha in Eau Rouge uno dei suoi marchi di fabbrica: “Spa-Francorchamps è senza alcun dubbio uno dei miei tracciati preferiti. Ho dei ricordi bellissimi legati a questa pista e questo fine settimana proverò ad aggiungerne un altro. È una pista che va rispettata, molto selettiva e dove ogni errore lo puoi pagare pesantemente. Basta nominarla per portare alla mente fin da subito la velocissima esse in salita di Eau Rouge. A Silverstone siamo stati molto bravi e tutto ha funzionato alla perfezione, ma dobbiamo continuare a tenere altissima la concentrazione. Porsche, Aston Martin e Ford sono avversari tosti e da non sottovalutare”, analizza Davide Rigon.

 

Tradizionalmente il meteo è una componente importante, ma per quest’anno le previsioni non parlano di precipitazioni. Almeno per ora…

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.