2 dicembre 2016

X Municipio – Bando AEC, M5S: “4,4 ore settimanali a bambino disabile, una follia”

La disabilità è un tema per cui è necessario fare scelte politiche responsabili. Chi vive una disabilità in famiglia trova la propria forza d’animo messa a dura prova, ma la tensione emotiva aumenta quando la politica non riesce a garantire livelli assistenziali adeguati. Come nel caso del bando di gara municipale, fortemente discutibile, che dimezza le ore di assistenza AEC ad oltre 350 bambini disabili nel X Municipio, mediamente 4,4 ore settimanali a bambino. L’importo complessivo a base di gara è suddiviso in tre lotti da € 68.899,95 l’uno, per un totale di 206.699,85 euro (IVA esclusa), il periodo di affidamento va dal 2 maggio 2016 al 30 giugno 2016.

Il costituente Comitato Disabili del X Municipio, solo un mese fa, dopo sollecitazioni e servizio de LE IENE, aveva avuto garanzie, in un incontro con la Dott.ssa Saracino Direttore della Direzione Socio Educativa e responsabile del servizio AEC del X Municipio, della continuità del servizio AEC e dell’adeguata copertura finanziaria. Ma quali sono i disagi di un bando AEC con la riduzione oraria del servizio del 50%? Le ore a disposizione non consentiranno di poter garantire i livelli minimi di assistenza, e addirittura di continuità, agli alunni disabili.

Il bambino disabile, con sole 4,4 ore di assistenza garantite, non potrà partecipare alle attività didattiche della scuola, così come previsto dalla Costituzione e dalla Legge 104. Si spera, inoltre, che i tagli previsti nel bando di gara non abbiano ripercussioni sulle posizioni lavorative del personale delle cooperative. Il Movimento 5 Stelle del X Municipio, consapevole delle difficoltà che questo bando determina, perseguirà ogni strada della legalità possibile per garantire quella qualità di vita attesa.

Movimento 5 Stelle Municipio X

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.