8 dicembre 2016

Salvini: “Linciato il presunto assassino di Fortuna? Se dicessi mi dispiace direi una bugia”

 

Matteo Salvini, leader della Lega, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Salvini ha commentato quanto accaduto nel carcere di Napoli, con il pestaggio subito dal presunto omicida di Fortuna Loffredo:“E’ stato quasi linciato in carcere il presunto assassino di Fortuna Loffredo? Se dicessi che mi dispiace, direi una cosa falsa. Non mi dispiace per nulla, anche se non deve essere lasciata alla legge del carcere la soluzione. La Lega da ormai almeno tre legislature propone la castrazione chimica per pedofili e stupratori. Chi mette le mani addosso a un bambino e a una donna deve essere farmacologicamente, quindi senza la scure ma con le pillole, messo in condizione di non rifarlo più per tutta la vita”.

All’inizio dell’intervista Salvini è tornato sul 3-3 del Milan in casa contro il Frosinone: “E’ vero che in Italia ci sono problemi ben più importanti, ma milioni di milanisti meriterebbero almeno di non essere presi in giro. Ci dicono da anni che siamo da scudetto, che siamo da Europa e poi perdiamo con l’ultima in classifica in classifica e pareggiamo all’ultimo secondo su rigore con la penultima. E’ evidente che qualcuno in società ha sbagliato e sta sbagliando. Brocchi come Bertolaso? Brocchi è l’ultimo ad avere delle colpe. Se c’è una società confusa alle spalle che ti manda sulla panchina a sei giornate dalla fine in una squadra che è quella è, io le colpe non le do all’allenatore ma le do a chi non ha più idee chiare in testa come società, e non le ha sul campo di calcio, come non le ha avute per le elezioni di Roma”.

Parlando di elezioni a Roma, Salvini aggiunge: “Al di là delle chiacchiere televisive ci sono i cittadini, che anche a Roma ci dicono andate avanti. Dicono che gli serve un po’ di pulizia, un po’ di idee chiare, un po’ di coraggio, un po’ di ruspa. Berlusconi ha detto a me e ai romani per un mese che Bertolaso era un genio e che chi non lo voleva era un folle capriccioso. Poi l’ha messo in cantina, evidentemente così genio non era, ed ha scelto Marchini. Solo un mese fa Berlusconi diceva che Marchini non era da votare e aggiungeva che chi votava Marchini faceva un favore alla sinistra. Ora, cambiare idea è legittimo, ma quando c’è in ballo un comune come Roma passare di palo in frasca non mi pare utile”.

Ancora su Roma, Salvini commenta i sondaggi: “Marchini è improvvisamente cresciuto nei sondaggi? I sondaggi evidentemente vengono da qualcuno commissionati e pagati. Non ci azzeccano mai. Guardiamo anche all’estero, in Austria le elezioni sono andate come sono andate, ha vinto il partito alleato della Lega che secondo i sondaggi non doveva arrivare neanche secondo. Secondo i sondaggisti, poi, Trump non doveva arrivare nemmeno a Natale. I sondaggi io li faccio in strada, quando ogni settimana vengo a Roma per lavoro, ascoltando le persone, i taxisti, i vigili, gli studenti, gli operai, i poliziotti, che mi dicono di non mollare con la Meloni, perché è la candidata giusta. Rinnovo la mia convinzione, Marchini prenderà la metà dei voti rispetto a Meloni e al ballottaggio andranno Meloni e Raggi. A quel punto sarà Berlusconi a dover scegliere cosa fare o cosa non fare, sperando che abbia una sola idea al giorno. Io ho tanti difetti, però quando mi metto una cosa in testa vado fino in fondo”.

Fonte: Radio Cusano Campus