2 dicembre 2016

“RIvincita”, una parola, un concetto, un disco, il nuovo album di Daniele Mendoza

Il quarto progetto solista di Daniel Mendoza, fuori oggi in freedownload per Street Label Records, vanta la sua parola chiave nella semplicità dello stesso titolo : “Rivincita”.

In questo disco, uniformemente definito da un tappeto sonoro strong e tipicamente underground, Daniel Mendoza pone, attraverso il suo inconfondibile stile, le basi per un manifesto dichiarante il suo riscatto nei confronti di molti aspetti legati alla sua vita. In primis l’essere ancora in grado di parlare attraverso la musica. Di essere capace,nonostante gli ostacoli, di dare un contributo forte anche con una vita più al margine e distaccata dai sistemi di comodo. Una rivincita contro gli standard e gli stereotipi quindi, e soprattutto, contro lo specismo indotto dal mercato. Il disco si pone inoltre in contrasto con la società omologatrice di oggi, fatta da individui subdoli e schiavi del sistema. Una società malata che ti obbliga ad arrancare per sopravvivere. Che ti logora di vizi e necessità indotte.

“Rivincita” parte dal Micro-sociale della scena HipHop per arrivare al Macro-sociale dell’era moderna. Scovando somiglianze e parallelismi in cui l’invidivuo, artista o no, finisce per essere inghiottito. Il disco urla il dissenso contro tutto questo attraverso un mood vorace e rabbioso, che fa da cornice a un album in cui la protagonista é la rivalsa personale.

Daniel Mendoza, da sempre aggiornato sugli stili attuali e orientato alla crescita personale, propone un disco orgoglioso e duro, colpendo l’ascoltatore e dimostrandosi ancora una volta originale e straordinariamente fuori dagli schemi. La scelta di non avere collaborazioni, i titoli dei brani totalmente ispirati a film e l’omogeneità del sound proposto, consentono di definire la struttura solida e autentica. Fruibile e accessibile a tutti, sebbene mai lontano dalla matrice originale dell’HipHop, “Rivincita” sa farsi apprezzare per la sua estroversa capacità di catturare l’ascoltatore.