Per la terza volta consecutiva, il pilota toscano Simone Faggioli si è imposto nel Trofeo Scarfiotti

Trofeo Scarfiotti nel segno del tre: dopo il tris nelle storiche per Di Fulvio, anche Faggioli ha vinto per la terza volta (consecutiva) la Sarnano-Sassotetto. L’evento dell’Automobile Club Macerata, dopo un ottimo sabato di prove asciutte, ha destinato ai protagonisti una domenica di gara iniziata sul bagnato senza pioggia, che però è ripresa a scendere durante le partenze. I primattori del CIVM, attesi ad una ‘prima’ interessantissima per significato tecnico e sportivo, malgrado le avverse condizioni, hanno dato vita ad un pomeriggio di gara intensissimo di emozioni. Simone Faggioli si è rifatto dalla recente sconfitta europea in Austria infliggendo al pilota trentino un distacco di 6 secondi. Il pilota fiorentino portava in gara la versione 2016 della plurivittoriosa Norma-Zytek, aggiornata di elettronica e aerodinamica. Merli si è invece trovato in leggera difficoltà di setup nella parte iniziale e si è dovuto accontentare della posizione d’onore, precedendo di soli tre secondi Omar Magliona, passato dalla Osella alla Norma per questa stagione. Posizioni importanti nell’assoluta per Domenico Cubeda, Domenico Scola e Luca Ligato, migliore del gruppo CN, dove ha preceduto Achille Lombardi. Nei gruppi più spettacolari, il foggiano Lucio Peruggini, con la performante Ferrari 458 dell’AF Corse si è aggiudicato il gruppo GT, mentre in E1 Italia si è imposto il pesarese Marco Sbrollini, miglior marchigiano al traguardo e vincitotre del 6° Memorial Giovanni Battistelli. Nella E2SH il bolognese Manuel Dondi sulla X1/9 ha battuto Marco Gramenzi che ha partecipato con la 155, in attesa di risolvere i problemi di gioventù della Picchio AR/MG basata sul progetto Alfa Romeo 4C. Particolarmente combattuta la Racing Start Plus con l’abrizzese Andrea Marchesani (VW Polo) che ha battuto di un soffio il bresciano Nicola Novaglio (Mini Cooper), sfruttando proprio le condizioni insidiose del tracciato. Nella Racing Start ha vinto Oronzo Montanaro nel duello Mini, che ha visto il rivale Ivan Pezzolla uscire rovinosamente con parecchi danni al primo tornante. Successi poi per Salvatore D’Amico (Renault Clio-gruppo A), Rudi Bicciato (Mitsubishi Lancer-gruppo N), il sarnanese Sandro Tidei (Peugeot 205-gruppo E1A), l’ascolano Antonio Forti (Ford Escort Cosworth-gruppo E1N), Domenica Tinella (Fiat 500-bicilindriche). La classifica under 25 è andata a Scola e quella per le Scuderie alla siciliana Ionia Corse. Come sempre nutrita la compagine della Sarnano Corse che ha portato anche al debutto il prof. Andrea Canzonetta, sull’Alfa Romeo 156 preparata e allestita dai propri studenti del corso Meccanica del locale Istituto IPSIA Renzo Frau. Sei ragazze hanno preso il via, con la trentina Gabriella Pedroni su Mitsubishi gruppo A, tornata in pianta stabile nella serie tricolore. Il fine settimana è stato caratterizzato dalla presentazione del libro scritto da Gianni Tomazzoni su Mauro Nesti e dalle iniziative pro Fondazione Fibrosi Cistica, rappresentata in gara dalla sempre più brava Rachele Somaschini, quarta in gruppo Racing Start Plus. Lo staff organizzatore dell’AC Macerata e della sua Associazione Sportiva ringrazia gli enti ad iniziare dal Comune di sarnano e la Provincia di Macerata, oltre al pool di sponsor che credono nel Trofeo Scarfiotti a doppia titolazione. Classifica assoluta: 1° Faggioli (Norma M20FC-Zytek) in 4’06”58 alla media di 129,6 kmh; 2° Merli (Osella Fa30-RPE) 4’12”41; 3° Magliona (Norma M20FC-Zytek) 4’15”65; 4° Cubeda (Osella Pa20009 4’24”38; 5° Scola (Osella Pa2000-Honda) 4’29”56; 6° Ligato (Osella Pa21 Evo) 4’29”20; 7° Lombardi (Osella Pa21S Evo) 4’38”53; 8° Dondi (Fiat X1/9) 4’54”26; 9° Sbrollini (Lancia Delta Evo) 4’55”47; 10° Gramenzi (Alfa Romeo 155ITC) 4’56”30.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8656 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.