8 dicembre 2016

“La foresta dei Sogni” di Gus Van Sant, un dedalo in Sol Levante

 

Un tempo avremmo detto: sesso, bugie e video tape! Oggi ci resta solo da dire: amore, sensi di colpa e nostalgia canaglia. Un incipit che fa pensare a un naufragio, nell’inquadratura di Arthur Brennan (un bravo Mattheu McConaughey) in primo piano con la barba incolta e il volto scuro. Un’odissea preannunciata, pur mancante di cieli contrari, mostri marini, incantesimi, fiere, minotauri. Non vi è il fato che insegue e costringe l’eroe, ma è l’eroe stesso che si sta mettendo in qualcosa di pericoloso, volutamente, che ci sta cadendo dentro, letteralmente, “con tutte le scarpe” (e Arthur data l’impervio terreno della foresta farà dei capitomboli dolorosissimi a vedersi). E sapete perché? Per i sensi di colpa (lo confessa il personaggio stesso, in lacrime). Arthur ha fatto soffrire la moglie Joan (una sempre bravissima Naomi Watts) e pure tanto, nel tran tran del ménage quotidiano. Niente di eroico e neppure di mistico, non basta far muovere gli alberi di una foresta (tal movimento evoca “La tigre e il Dragone” o  “La foresta dai pugnali volanti”) o far sentire una campana in lontananza. Non avvertiamo nulla di particolare, anche sapendo che quella foresta esiste veramente e si tratta della foresta di Aokigahara (anche nella realtà luogo di suicidi) alle pendici del Monte Fuji.

Fa bene, però, il regista Van Sant (nominato all’Oscar per “Will Hunting-Genio ribelle” e “Milk”, vince a Cannes nel 2003 la Palma d’Oro miglior film con “Elephant”) a spiattellarci senza fronzoli la verità: si vive superficialmente, e il tempo passa, come dice Arthur, non sappiamo neanche il colore preferito del nostro coniuge, e si vorrebbe morire così alla buona? La flebile morale del film, comunque, non fa una piega, perché è vero che stiamo sempre a pensare al passato, divorati dal rimorso e dalla nostalgia. Questa dolorosa impotenza è raccontata da numerose e prolungate analessi (flashback) che svelano la vita coniugale di Arthur e Joan, sequenze dal clima intimista e spesso lente nel ritmo.

Quando il racconto torna al presente, nella foresta, il ritmo è ben diverso perchè con la natura non si scherza! Si scatenano piogge torrenziali, incidenti. Visioni tenebrose di cadaveri e resti umani di chi è andato lì a suicidarsi. Arthur incontra un uomo di nome Nakamura (un meraviglioso anche “da fermo” Ken Watanabe – L’ultimo Samurai, Lettere da Iwo Jima, Memorie di una Geisha) che prima si vota al suicidio e poi si pente e desidera di tornare dalla propria famiglia (harakiri rimandato?) Nessuno dei due vuol dunque morire, e scoprono, cammin facendo, che non hanno saputo vivere. Si perdono e non trovano la strada per uscire. Il Nakamura dice che i lamenti sono degli spiriti del purgatorio. Chi dei due è Virgilio? Chi è Dante? Ahimè nessuno dei due, ma non fa difetto in questo l’opera di Van Sant, se ci porta a immaginare la selva oscura. Un film che non ha pretese, se non quella di raccontare, una storia, senza facili patetismi o sbavature. L’uso della ”steady cam”, rende vicinissimo lo spettatore ai personaggi, e un fuoco acceso nel bel mezzo della foresta, rende tutto così intimo e innocente, come l’ascolto di una fiaba. Pur nelle sue lentezze, può contare sul talento di grandissimi attori. E non è poco. Godibile. Da non trascurare il finale!

 

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.