Frosinone – Impianti pubblicitari, rivoluzione estetica ed ornamentale

Un anno. Questo il tempo che avranno a disposizione i privati per adeguarsi al nuovo piano di impiantistica voluto dal Comune di Frosinone e, più precisamente, dall’Assessorato alle finanze e al bilancio.




“La parola d’ordine è razionalizzazione – ha detto l’assessore preposto, Riccardo Mastrangeli – Uscendo dal casello autostradale per recarsi in Città si viene accolti da una selva di cartelloni pubblicitari. Questo caos non giova né alle aziende pubblicizzate – il cui annuncio viene inghiottito in un mare indistinto di immagini e slogan – né al decoro urbano. Per questo motivo, daremo un anno di tempo ai privati per riordinare e uniformare gli impianti in base alla tipologia prevista. I cartelloni saranno uniformati ad uno standard e saranno posti a una distanza precisa dalla carreggiata. La comunicazione diventerà più razionale e corretta e l’ingresso della città, all’uscita del casello A1, godrà di maggiore decoro, ispirato a principi di essenzialità, uniformità e semplicità. Il tutto, ancora una volta, a costo zero per le casse comunali”.

“L’iniziativa a carico dell’impiantistica parte da lontano: dall’obiettivo dell’amministrazione di riorganizzare l’arredo urbano cittadino per aumentarne il decoro. – Ha commentato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – In questa direzione vanno moltissimi interventi compiuti in questi anni: si pensi alle plance pubblicitarie di tipologia diversa, a seconda della zona (al centro storico con stile “antichizzato”; nella parte bassa di Frosinone con un’impronta estetica più “moderna”). Del progetto relativo al decoro urbano fanno parte anche gli informacittà, ossia gli impianti luminosi dislocati per il capoluogo che danno informazioni ai cittadini su eventi, avvisi, scadenze. È stata rinnovata l’impiantistica funebre, attraverso l’angolo del ricordo. A breve inizieremo la collocazione di totem nel Centro Storico, veri e propri contenitori che daranno indicazioni di natura istituzionale. Risale a pochi giorni fa, infine, la presentazione del progetto ‘Epigrafi Murarie: dai muri alle mura’, un’altra iniziativa dell’amministrazione a sostegno della crescita culturale, della memoria, della salvaguardia del nostro patrimonio”.

Informazioni su Samantha Lombardi 4727 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it