8 dicembre 2016

Fobos, viaggio tra le paure dell’uomo, al Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano dal 5 all’8 maggio

Al Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano, dal 5 all’8 maggio va in scena Fobos, un viaggio tra le paure dell’uomo.

Fobos è uno studio sul motore. La più importante ragione per la quale si perpetua l’esistenza. Che cos’è la paura? La paura è infine ciò che ci consente di sopravvivere. La paura è la ragione più recondita per la quale compiamo una scelta anziché un’altra, la paura è in fin dei conti ciò che ci permette di sopravvivere scegliendo, per paura di non morire. La paura nel suo significato atavico: la scelta del titolo scritto in greco rimanda ad una tradizione primordiale, della paura come fondamento imprescindibile di questa stessa civiltà, di tutte le civiltà. Ma è una paura che presto non è più solo timore, spirito di sopravvivenza. È una paura che diventa presto panico, una paura degenerata, figlia del trauma. Il trauma fa nascere quindi delle fobie che sono folli, assurde, frutto di convinzioni sbagliate, di ferite mai sopite, che si riaprono e sgorgano sangue senza un perché. I personaggi del dramma si muovono in una regia claustrofobica, di spazi stretti, di movimenti misurati, alcuni personaggi si muovono nel proprio respiro, le loro storie si intrecciano ma la modalità è contorta, spezzata, una ragnatela di insicuri perfetta ma cadente, che con un soffio può essere spazzata via. La paura: il motore vero dell’esistenza, la ragione ultima per cui questa continua.


FOBOS
Viaggio di uomini nati e non attraverso le voci delle loro madri
di Vincenzo Borrelli e Simone Somma
Regia VINCENZO BORRELLI
Con (in o. a.)
Simone Somma
Cristina Ammendola
Maurizio Tieri
Alessandra Coccia
Marina Billwiller
Martina Liberti
Antonio Tatarella
Tommaso Fichele
e con VINCENZO BORRELLI

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.