4 dicembre 2016

Queste le dichiarazioni rilasciate dai protagonosti di Milan-Frosinone, nel post partita

MISTER CRISTIAN BROCCHI
“Mi lascia l’amaro in bocca la partita di oggi, completamente diversa da Verona. Ci siamo trovati sotto subendo il nulla. Non ci siamo abbattuti dopo il rigore mancato. La spinta offensiva è stata maggiore. E’ normale che quando prendi gol degli errori ci sono stati, è stata un episodio anche tecnico che ha fatto si che loro riuscissero a fare gol. Devo guardare alla prestazione della squadra, abbiamo creato tanto, preso due traverse e sbagliato un calcio di rigore. Abbiamo mantenuto la voglia di vincere fino alla fine. Io penso che la prestazione di oggi sia sotto gli occhi di tutti. E’ stata fatta una buona partita, abbiamo creato, poi ovviamente non si può prendere tre gol a San Siro. Dobbiamo essere lucidi e valutre la prestazione della squadra. Nella partita di oggi non ho visto una squadra fragile nell’atteggiamento e nell’orgoglio. La squadra ha reagito bene e non ha dimostrato fragilità. Se i ragazzi avranno l’atteggiamento della settimana e di oggi sono fiducioso per Bologna e Roma”.

LUCA ANTONELLI
“Oggi abbiamo creato tantissimo. Non è solo sfortuna, non possiamo fare un punto tra Verona e Frosinone. Adesso abbiamo il Sassuolo davanti e dobbiamo sperare anche in un loro passo falso nelle prossime due partite
Facciamo fatica nelle gare da vincere, non lo capiamo. Oggi dovevamo vincere per tenere indietro il Sassuolo. Adesso dobbiamo rincorrere e non è il massimo. Nelle prossime partite dovremo fare il massimo. Già a partire da domani quando torneremo a lavorare.
Dedico il gol alla piccola Azzurra appena nata. Avevo promesso questo gol anche a mia moglie. Sono contento a metà, preferivo portare a casa i 3 punti”

JOSE’ MAURI
“Sono orgoglioso per aver giocato la mia prima partita a San Siro, peccato che è stata una soddisfazione a metà. Tutta la partita siamo stati noi all’attacco, il risultato è sicuramente bugiardo. I tre gol sono stati tre episodi e il loro portiere ha parato l’impossibile. La squadra è stata unita fino al 90′. Mi sembrava che l’arbitro spesso non fischiava, la punizione doveva essere calciata almeno due metri più indietro. Sono uno che gli piace arrivare vicino alla porta. Oggi non ho tirato ma spero, con le prossime partite, di prendere più fiducia con la palla. Non penso ai problemi societari, il mio lavoro è allenarmi e dare il massimo. Mister Donadoni è la persona più importante della mia vita calcistica, è stato un padre allenatore e spero di far bene contro il Bologna. Spero in un bel risultato a Bologna per tutti e per i tifosi”.

MISTER CRISTIAN BROCCHI (CONFERENZA STAMPA)
“Abbiamo creato tanto a differenza di altre gare. Contro il Carpi la finalizzazione era stato il problema, contro il Verona tanti, mentro oggi si è provato a giocare a macinato occasioni pericolose. Due traverse, un calcio di rigore sbagliato e una reazione che ha dimostrato che la squadra non è fragile. Non mi sento colpevole, bensì sempre responsabile. Contro il Verona ero il Responsabile, perchè c’erano stati errori dove l’allenatore non può metterci del suo. Oggi purtroppo è stata la classica partita dove sono subentrati altri fattori. Non possiamo subire tre gol in casa, ma dobbiamo valutare come li abbiamo subiti con lucidità. Oggi abbiamo fatto un passao in avanti nella qualità del gioco.
Sui punti fatti non posso essere contento. Come si fà? Non possiamo essere contenti. Ho bisogno di avere segnali dalla squadra. Estrapolando il risultato e guardando il gioco espresso, non si può dire di non avere interpretato meglio la gara rispetto a quelle precedenti. Mi pare lampante che qualcosa ci sia stato qualcosa oggi.

Fallimento senza sesto posto? E’ fuori discussione che questo è il nostro obiettivo e questo pareggio ci complica la vita. Oggi devo valutare le cose positive e spero le abbiate viste anche voi. Spero che faremo lo stesso contro il Bologna e anche qualcosa di più. I giocatori sono concentrati sul campo e durante queste partite. Da calciatore se c’erano problemi non li vivevo in prima persona. In questo momento c’è la volontà di tutti di riconfermarsi. Locatelli arriverà il suo momento, ma ora bisogna capire che sto facendo giocare Jose Mauri per l’assenza di Bonaventura. Su Jack puntavo molto, ma in questo momento è difficile far giocare insieme Locatelli e Mauri. Sono convinto che Locatelli nel prossimo futuro vi farà vedere di che pasta è fatto. Bisogna capire però il momento, perchè è difficile metterli insieme in partite dove servono equilibri ed esperienza.
Quando si gioca così sono fondamentali i terzini. Nella prima mezz’ora il gioco si sviluppava sulla destra e poi andavamo con Abate o Kucka in profondità. Sicuramente abbiamo fatto tanto lì in quei minuti. Automaticamente guardando la partita si pensava si potesse fare lo stesso anche a sinistra. Quando abbiamo iniziato a farlo anche a sinistra le cose le facevamo in entrambe le parti.
Sull’equilibrio non sono d’accordo. Contro l’Hellas non ragionavamo. Sul terzo gol, può capitare un errore, ma non è per mancanza di equilibrio. Eravamo messi bene, è stato un errore tecnico. Sull’essere più precisi in finalizzazione sono d’accordo, ma oggi devo valutare i passi in avanti, che ci sono stati. Siamo rammaricati per il risultato, è una di quelle partite un po’ assurde difficili da analizzare.
E’ difficile giocare a San Siro, lo so bene. Allo stesso tempo però deve essere emozionante e dobbiamo fare come fatto oggi. Contro il Carpi nelle difficoltà e nelle situazioni di pericolo, faticavamo a sopportare tutto questo. Oggi i numeri parlano chiaro. Non ci sono state fragilitià. Abbiamo dato e creato, con dei passi in avanti rispetto alle gare precedenti. Minor applicazione no, se sento una cosa simile per lo stadio vuoto, si deve fare una domanda il giocatore. Se io entrassi in uno stadio vuoto, avrei una rabbia dentro da mettere sul campo
Honda primo cambio? Avevo bisogno di allargare il gioco. Sino a quel momento aveva fatto una buonissima partita, ma avevo bisogno di un giocatore più offensivo. E’ stata una scelta che ha premiato, come quella successiva, che ci ha permesso di recuperare la partita. Honda ha dato una palla meravigliosa per il primo gol di Bacca, a smarcare Abate”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5941 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.