Mondiale SBK – Imola, i piloti del KRT rivivono il week end di Imola

Dietro al vincitore Chaz Davies, hanno concluso Jonathan Rea in seconda posizione e Tom Sykes in terza, esattamente come successo ieri in Gara1. Rea adesso è il leader in campionato con 35 punti su Davies, mentre Sykes è terzo, con 67 lunghezze dal suo compagno di squadra.
Come nella prima gara del week end, disputata nella giornata di sabato, Sykes è stato semplicemente troppo lontano da Rea per poter affrontare un duello e oggi Rea ha dovuto gestire alcuni problemi elettronici sulla sua Kawasaki, salvando anche incredibilmente una caduta durante la corsa, mentre stava uscendo dalla chicane finale.
Rea ha mantenuto al 100% il suo record dei, salendo dieci volte su dieci gare (tra cui cinque vittorie) difendendo così il suo status di campione del mondo in carica. Il nord-irlandese ha finora ottenuto 75 podi nella sua carriera nel WorldSBK.
Rea ha dichiarato: “Chaz ha fatto un ottimo primo giro e ha preso un po’ di vantaggio, ma poi ho sentito di avere il suo stesso passo o forse di essere anche un po’ più veloce. Successivamente ho avuto un momento difficile all’uscita dell’ultima chicane: sono andato sull’erba sintetica che era ancora un po’ bagnata dalla pioggia di ieri sera. Qualche giro più tardi, quando ero in quinta e a gas aperto, l’accelerazione è diminuita sul rettilineo e ho così perso due o tre secondi in un giro. Dopo, quando ho di nuovo aperto il gas, tutto è tornato a funzionare, ma ci sono voluti un paio di giri per rilassarmi di nuovo. Quando non possiamo vincere, è importante finire in seconda posizione e così abbiamo fatto a Imola. È chiaro che ora ci sono tre piloti a lottare per il campionato. Oggi non era il nostro giorno”.
Sykes, nel frattempo, ha spiegato, “Abbiamo fatto alcuni miglioramenti da ieri, ma abbiamo sofferto dopo aver perso quasi un’ora nelle prove libere del venerdì. Rispetto alla gara di ieri mi sono sentito un po’ più a mio agio con la moto oggi, ma quando c’era una moto davanti, non ero in grado di fare un buon tempo sul giro. Giravo sull’1’48 quando invece, da solo, arrivavo a 1’47. Anche nell’ultimo giro ho segnato un 1’47.7 nonostante aver fatto un errore nella doppia curva a sinistra del finale. Ci sono aspetti positivi da considerare in questo fine settimana. Non si è mai felici del terzo posto, ma bisogna anche essere realisti e, talvolta, essere contenti di questo risultato. Anche se abbiamo lottato, eravamo sul podio”.
Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8695 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.