Roma – Fini: “Meloni utilizzata da Salvini per rafforzare la sua leadership a livello nazionale”

 

Gianfranco Fini è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alla scelta di Forza Italia di appoggiare la candidatura di Alfio Marchini a sindaco di Roma. “Bisogna intendersi sul termine populismo di destra –ha dichiarato Fini-. Quando Berlusconi ha scelto Marchini è perché si è reso conto che Bertolaso non era competitivo e che 4 candidati sarebbero stati un favore a Giachetti e Raggi. Oggi sono 3 e probabilmente domenica saranno 2 se Storace, come credo, appoggerà Marchini. Marchini e Meloni sono candidati che hanno due modi diversi di intendere il centrodestra. Non ho apprezzato la linea politica della Meloni che mi sembra la copia romana della politica di Salvini. Meloni è stata utilizzata da Salvini. A Milano Salvini non ha battuto ciglio sul candidato che è simile a Marchini. A Roma Salvini ha scelto di giocare una partita a livello nazionale su chi avrà la leadership nel centrodestra. Il fatto che Marchini abbia accettato di apparentarsi con Forza Italia sia significativo del fatto che è impossibile governare se non c’è la maggioranza in consiglio e quindi l’appoggio dei gruppi consiliari che sono espressione dei partiti. La natura civica della sua amministrazione credo si riferisca alla composizione della sua giunta”.

Risvolti nel panorama politico nazionale. “Il punto è se Berlusconi ha avuto una visione strategica e quindi anche in futuro il rapporto con la Lega sarà meno collaborativo, oppure se l’ha fatto solo in una dimensione cittadina –ha affermato Fini-. Mi fa sorridere chi dice che è tornato lo spirito del 1994. Quando ad ottobre ci sarà il referendum sulla Costituzione, una parte del mondo moderato come Alfano voterà in modo radicalmente diverso rispetto a Fi e Lega. Prima di dare per scontato che quello che è accaduto a Roma sia l’anticamera di uno scenario nazionale bisogna andare molto cauti”.

Comitato presidenzialisti per il no alla riforma costituzionale. “Il fronte del No è un fronte plurale –ha spiegato Fini-. Io ho fondato un comitato che parte dalla necessità di dar vita ad una riforma della Costituzione, in senso presidenzialista. Bisogna arrivare al monocameralismo e abolire il Senato, non trasformandolo come ha fatto Renzi. Il presidenzialismo presuppone un rafforzamento del potere rappresentativo e di controllo. La riforma Renzi insieme all’Italicum determinerà invece una condizione paradossale: il segretario del partito che raggiungerà la maggioranza avrà il 65% dei deputati e sarà un uomo solo al comando. Usciamo dalla Repubblica parlamentare ed entriamo in un limbo che non ha precedenti in Europa. Se si è deprecato Berlusconi perché faceva le legge ad personam, bisogna deprecare ancora di più Renzi che vuole una Costituzione ad personam. Non credo che abbia delle mire autoritarie, è semplicemente una legge pasticciata”.

Fonte: Radio Cusano Campus

loading...
loading...