5 dicembre 2016

L’Italia verso la Terza o la Seconda Repubblica?

Sempre più spesso sentiamo il termine “Prima Repubblica” o “Seconda Repubblica”, ma di cosa si parla esattamente?

Chiunque abbia anche solo sfogliato un manuale di storia contemporanea, potrebbe dire che la fine della Prima Repubblica, tra il 1992 e il 1994, è stata segnata dallo scandalo di Tangentopoli e l’indagine di Mani pulite, con la conseguente scomparsa della Democrazia Cristiana e del Partito Socialista Italiano, dalla crescita della Lega Nord e il suo ingresso in Parlamento, dall’ingresso in politica di Silvio Berlusconi, con la fondazione di Forza Italia e dalla nuova legge elettorale maggioritaria Mattarellum, approvata a seguito dei referendum del 1991 e del 1993 sulla legge elettorale del Senato. Ma è davvero cosi?

In Italia la distinzione tra Prima e Seconda Repubblica, introdotta in ambito giornalistico e divenuta poi di uso comune, è formalmente scorretta, poiché si riferisce ad elementi di discontinuità storica che non si è risolta in un cambiamento di natura istituzionale ma in un profondo mutamento meramente politico.

Già negli anni ottanta Giorgio Almirante usò il termine Seconda Repubblica con un significato preciso di modifica costituzionale, per richiedere un mutamento della Costituzione italiana, sulla falsariga del passaggio alla Quinta Repubblica francese da parte di De Gaulle.

Il passaggio dalla prima alla seconda Repubblica  rappresentò tuttavia un cambiamento all’interno del sistema politico, anziché un cambiamento del sistema politico, come avvenuto in Francia, in quanto la costituzione e le istituzioni repubblicane sono le medesime dal 1948, e il biennio 1992-1994 non si accompagnò ad alcun cambiamento costituzionale.

Il numero delle Repubbliche sarebbe, infatti, da definire in base alla struttura costituzionale, si avrebbe così una nuova Repubblica con una modifica costituzionale e una nuova legge elettorale, secondo questo schema, applicato in Francia, dovremmo essere in realtà della risacca della Prima Repubblica, mentre quella che sta per nascere sarebbe in realtà la Seconda e non la Terza come alcuni, erroneamente, credono.

La nascita della Seconda Repubblica italiana sarebbe infatti segnata dall’eventuale approvazione della riforma costituzionale (ddl Boschi) e dalla nuova legge elettorale della Camera che entrerà in vigore da luglio 2016 (Italicum), si paleserebbero così entrambe le condizioni per aprire un nuovo capito della storia democratica italiana. Due elementi largamente chiacchierati ultimamente, anche se negli ultimi giorni il primo ha assorbito molta della nostra attenzione, in attesa del referendum di ottobre: sarà la fine del “bicameralismo perfetto” con la divisione dei compiti tra Camera dei Deputati e Senato? E questa vera Seconda Repubblica come si posizionerà rispetto alla prima?

Citando un celebre autore letterario italiano “ai posteri l’ardua sentenza”.