5 dicembre 2016

Esposto di Asso-consum sul caso Morgan Stanley

L’Asso-consum, associazione per la difesa dei consumatori degli utenti e dei cittadini, componente CNCU, ha inviato un esposto alla procura della Repubblica di Roma e alla Corte dei conti del Lazio in merito alla faccenda che vede protagonisti il Mef e la banca d’affari Morgan Stanley.

Alcuni dirigenti del Ministero dell’Economia, i cui nomi sono tenuti all’oscuro, nel 2012 firmarono cinque contratti derivati con la banca in un accordo quadro del 1994. Le procedure adottate e le motivazioni sottese sembrano aver favorito indebitamente la banca.

Il danno erariale sembrerebbe ammontare a 3,8 miliardi di euro.

Dunque l’associazione chiede venga messa in luce la relazione che la Commissione Finanze della Camera avrebbe dovuto fare e che si accerti:

1.se i dirigenti firmatari dei contratti abbiano seguito tutti i processi necessari ossia se abbiano fatto verifiche tecniche, amministrative etc;

  1. se la Morgan Stanley abbia fornito ai ministri e funzionari tutte le informazioni utili alla valutazione della decisione più consona da prendere;
  2. se il Mef abbia, firmando gli atti, verificato tutte le ipotesi.
  3. se e che tipo di procedure di verifica e controllo interne abbia avviato il Ministro competente.

“Centinai di enti locali” aggiunge il presidente Aldo Perrotta “sono stati accusati di incapacità  a comprendere cosa fossero i derivati. La verità è  che la Morgan Stanley ne ha letteralmente nascosto la reale pericolosità a tutti. Perciò abbiamo deciso di denunciare la Morgan Stanley alla Procura della Repubblica di Roma per i derivati Ministeriali”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5944 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.