4 dicembre 2016

Ladispoli – Fruibilità e accessibilità nella piscina, si attendono le risposte

Al signor Sindaco di Ladispoli

Non avendo ricevuto alcuna risposta da Lei, Signor Sindaco, a proposito dell’accesso nella piscina di Ladispoli, riprendo da qui l’argomento dell’accessibilità e della fruibilità, sviluppandone quegli aspetti in verità già, dolorosamente, esposti più e più volte nel corso di quasi un decennio, ma riproponendoli mediante alcuni passaggi fondamentali, al solo ed unico fine di argomentare e aggiungere chiarezza alla stessa chiarezza.

Richiamo, brevemente, quanto ho già scritto sul tema, considerato che il Presidente della Società Sportiva, rispondendo a chi le scrive come da virgolettato, ha troncato l’argomento sull’acquisto del sollevatore per disabili motori. Si cita: “Le scrivo dopo aver approfondito l’acquisto del sollevatore per disabili idraulico e mi dispiace comunicarLe che, contrariamente a quanto comunicatoLe, ho deciso di non procedere per motivi di sicurezza e responsabilità, in quanto non abbiamo personale abilitato ad utilizzare tale attrezzatura”.

Dunque, sembra di capire che i motivi alla base del ripensamento irrevocabile concernente l’acquisto del sollevatore, siano la sicurezza e la responsabilità per la mancanza di personale abilitato all’uso del sollevatore stesso.

Appena pochi giorni prima il Presidente della Società Sportiva scriveva di aver deciso e cito: “ … in sintonia con il pensiero del Sindaco Crescenzo Paliotta, di acquistare un sollevatore per disabili idraulico, certificato ed idoneo all’uso per l’ingresso in acqua di persone a mobilità ridotta”.

I motivi di sicurezza e responsabilità addotti, correlati alla mancanza di personale abilitato all’uso dell’attrezzatura sono tranchant.

Conseguentemente una domanda è fondamentale: LA PISCINA È APERTA AI DISABILI?

Se sì, deve esserci la possibilità anche per i disabili motori di poter ACCEDERE IN VASCA E FRUIRNE come tutti gli altri cittadini, né più né meno.

Bisogna legge perciò, quel che è stabilito nella Convenzione, e cito: “ … La Società Concessionaria si impegna altresì a realizzare in accordo con il Comune corsi di nuoto e di acquaticità per portatori di handicap che abbiano avuto tale indicazione dai terapeuti; …”.

Purtroppo, per noiosa che sia e me ne scuso, si deve ripercorrere la direttiva della normativa in vigore, per poter comprendere di che si sta trattando. Il termineportatore di handicap’, ormai desueto, lo troviamo, però, nella Legge quadro 5 febbraio 1992, n. 104. In sintesi, per l’aspetto che ci concerne, l’inserimento e l’integrazione sociale della persona handicappata si realizzano mediante interventi diretti ad assicurare l’accesso agli edifici pubblici e privati e ad eliminare o superare le barriere fisiche e architettoniche che ostacolano i movimenti nei luoghi pubblici o aperti al pubblico. È prevista la rimozione di ostacoli per l’esercizio di attività sportive (art. 23) e l’eliminazione o superamento delle barriere architettoniche (art. 24). Questo in sintesi per ciò che riguarda il termine. Inoltre come da D.M. 236/89 art. 2 “Per accessibilità si intende la possibilità anche per persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale, di raggiungere l’edificio e le sue singole unità immobiliari e ambientali, di entrarvi agevolmente e di fruirne spazi e attrezzature in condizioni di adeguata sicurezza e autonomia”. E considerandosi tre livelli di qualità dello spazio costruito “L’ACCESSIBILITÀ ESPRIME IL PIÙ ALTO LIVELLO IN QUANTO NE CONSENTE LA TOTALE FRUIZIONE NELL’IMMEDIATO” (art. 3.3)

Se ospitare ‘portatori di handicap’ per effettuare corsi di acquaticità vuol dire svolgere una funzione terapeutico/riabilitativa, queste stesse persone con disabilità devono poter agevolmente entrare in vasca e se affette da problemi motori possono farlo solo mediante eliminazione degli ostacoli o barriere.

Allora si pone il problema di accedere in vasca.

Il sollevatore serve, nello specifico, per i disabili motori in alternativa allo scivolo che permette anche a chi sta in carrozzina di accedere in vasca e di uscirne, mediante una carrozzina adatta all’acqua.

Concludendo, se la struttura di Ladispoli ospita, normalmente persone con disabilità che frequentano la piscina, così come mi è stato ribadito, va da sé che ci siano tutti i presupposti e i mezzi per permettere l’accessibilità delle persone con disabilità motoria mediante scivolo o sollevatore.

I motivi di sicurezza e responsabilità dovrebbero essere impliciti nella convenzione stessa e comunque un disabile motorio con mobilità ridotta quale io sono, che voglia fare nuoto libero come da prescrizioni terapeutiche, in una piscina che già accoglie ‘portatori di handicap’ quindi predisposta, se non può accedere in vasca per mezzo di uno scivolo o di un elevatore, come potrà mai entrare? L’alternativa potrebbe essere buttandosi in vasca con tutta la carrozzina sperando di poter riemergere come un sommergibile a compartimenti stagni. Oppure permettere il sollevamento del corpo nella fase dell’entrata e dell’uscita a braccia come fosse un peso morto. O invece, contrariamente a quello che sancisce, in primis, la nostra Costituzione nell’art. 3, e senza alcuna alternativa, non potendo proprio accedere, il disabile motorio rimane fuori!

Questa è la domanda. Attendo, Signor Sindaco, una Sua illuminante risposta ove vorrà darmela, e la ringrazio anticipatamente.

Paola Mauri