5 dicembre 2016

Nettuno – Cantiani: “L’ambiente è vita, è sicurezza e qualità della vita”

 

Ambiente è Vita, è Sicurezza è Qualità della Vita e Rispetto per ogni forma vivente. Nel corso degli anni, nostro malgrado, abbiamo percepito e visto come l’Ambiente sia stato sempre considerato da chi ha condiviso gli scranni comunali, come la “Cenerentola” dei problemi comuni ai concittadini, lasciando la nostra città nel degrado più profondo, dal centro ai quartieri periferici e dell’ampio territorio agricolo e residenziale sino ad arrivare al Parco Palatucci  polmone verde e ricreativo, abbandonato a vandali di ogni tipo. Dalla “buca” di piazza Berlinguer, ai marciapiedi, pardon rompi piedi, buche e crateri sull’asfalto di ogni via e quartiere, lassismo totale nei confronti della più grande ricchezza che Nettuno può vantare, il mare, abbandonato ad una agonia lenta e sciagurata di mancati investimenti di strutture ed infrastrutture, che oltre ad attirare e far ritornare turismo, può costituire una forma stabile di lavoro per chi lo invoca, giovani usciti dalla scuola e dalla università che non hanno nessun tipo di futuro, se non quello di emigrare, e degli espulsi troppo presto dal sistema lavoro.

In questo concentrato di danni ambientali e sociali, non possiamo dimenticare che ogni volta che piove, abbiamo tutti bisogno del gommone per poterci spostare su terraferma, invasa da acque di ogni tipo, che mostrano al concittadino l’inadeguatezza palese di un sistema fognario ed idrico, obsoleto per numero di abitanti. La mancata illuminazione di tante vie del territorio esterno hanno favorito e favoriscono atti di malvivenza nei confronti i quei concittadini che hanno scelto di vivere, proseguendo una tradizione familiare e degli altri, che alla città preferiscono la quiete della campagna. La scarsa se non inesistente pulizia delle strade, che con la differenziata così siffatta ha condotto conseguentemente al proliferare di ogni genere d’insetto e mammifero dannoso alla salute e alla incolumità pubblica, i topi, che sovente vediamo passeggiare indisturbati nelle vie e vicino agi ingressi delle abitazioni e dei negozi.

E se tutto l’Ambiente è rispetto per la Vita, non possiamo e non dobbiamo dimenticare le categorie sociali più deboli, quelle che costituiranno il nostro futuro e quelle che sono le radici della nostra tradizione e cultura. I bambini e gli anziani e nel rispetto totale ed incondizionato dei tanti sofferenti, giovani ed anziani, portatori d’handicap, che devono costituire un patrimonio inesauribile di quotidiano confronto. Queste persone, così come tutti i residenti, devono tener conto della pesante eredità ambientale – sociale lasciataci, che solo mediante la competenza e la professionalità dell’amministratore eletto, potrà nel  tempo restituire alla città di Nettuno, quella dignità e quella facoltà di tornare ad essere chiamata la vera Perla del Tirreno.

Daniela Cantiani – Candidata Consiglio Comunale di Nettuno – “Noi con  Salvini”