5 dicembre 2016

Di Pietro su Davigo: “Ha ragione, ha risposto ad una provocazione di Renzi”

 

L’ex magistrato Antonio Di Pietro è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Antonio Di Pietro ha commentato le parole di Davigo: “Quando guardi una fotografia che fai? Ti ci riconosci o no? Quella è la fotografia della situazione politica oggi come oggi. Davigo ha risposto a una provocazione del premier. Se uno ti da uno schiaffo e tu gli dici “ao”, la colpa è tua o di quello che ti ha dato lo schiaffo? Renzi il giorno prima ha detto che da 25 anni i magistrati danno vita a una incredibile barbarie giustizialista. Ma quale barbarie, i magistrati fanno il proprio dovere! I politici che rubano almeno si vergognavano prima, ora invece ti sfottono, ti accusano, dicono che non si devono fare le indagini e che bisogna cambiare la legge”.

Di Pietro sul tema è un fiume in piena: “Davigo ha fatto una fotografia della situazione che è realmente viva oggi. Renzi ha le mani inguaiate con tanti suoi collaboratori. Ci sono tante inchieste in corso che dimostrano che in effetti pulizia non ancora si fa. E sono 400 giorni che in Parlamento si discute della questione della prescrizione. Centinaia di migliaia di processi all’anno vanno in prescrizione.  Non si fa in tempo a scoprire il reato che già va in prescrizione. Solo nel nostro paese la prescrizione inizia a decorrere da quando scatta il reato e non da quando si scopre che il reato è stato commesso. Nel 1992 abbiamo scoperto un tumore sociale, che è la corruzione ambientale. Nonostante abbiamo scoperto un tumore sociale ancora oggi accusano noi, i medici, invece di prendersela con la malattia”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=8014

Fonte: Radio Cusano Campus