Frosinone – Dai muri alle mura: presentate le epigrafi murarie

Valorizzare le antiche mura cittadine, non soltanto riportandone alla luce l’aspetto originario ma permettendo anche di riscoprirne la storia attraverso l’affissione, sulle stesse, di epigrafi dettagliate: questo l’obiettivo dell’amministrazione Ottaviani, che, attraverso un progetto realizzato dall’assessore al Bilancio ed alle Finanze Riccardo Mastrangeli, mira a promuovere il capoluogo dal punto di vista storico e culturale. Il tutto, attraverso la sinergica collaborazione del Comune di Frosinone con l’Archivio Storico Provinciale, l’associazione AARS, la biblioteca provinciale “Alberto Bragaglia” e l’Archivio di Stato di Frosinone. “Il progetto “EpigrafI Murarie: DAI MURI ALLE MURA”, approvato dalla Giunta Comunale di Frosinone con la Delibera n°235 del 3 Giugno 2015 – ha dichiarato l’assessore Mastrangeli – è stato fortemente voluto dall’Amministrazione Ottaviani, che da tempo è impegnata nella programmazione di interventi che possano diffondere l’immagine culturale della Città di Frosinone, anche attraverso eventi e manifestazioni finalizzate a favorire la più ampia conoscenza e fruizione. Il progetto prevede la realizzazione di nove pannelli esplicativi da apporre – a ridosso dei muri e muraglioni – lungo i tratti stradali oggetto di studio e dove sono riportate le informazioni essenziali degli stessi: viale Roma, viale Napoli, via Alcide De Gasperis, via Fosse Ardeatine, viale Mazzini; è previsto anche un decimo pannello di raccordo, di orientamento e di lettura al lavoro realizzato. La finalità è di poter dare un contributo alla diffusione e alla valorizzazione della memoria e della cultura, avvalendosi, per questo, della collaborazione dell’Archivio di Stato di Frosinone, dell’Archivio Storico Provinciale di Frosinone, della biblioteca provinciale e dell’Associazione Culturale “Arte – Restauro – Storia”, tutti coinvolti nel raggiungimento dello stesso obiettivo: la crescita culturale attraverso la conoscenza del patrimonio di appartenenza. Diffondere e valorizzare la cultura è fondamentale, e la realizzazione di questa prima fase del progetto “Dai Muri alle Mura” ne è la riprova. Con il progetto “Dai Muri alle Mura” vogliamo dar modo ad ogni cittadino frusinate, o del mondo, di soffermarsi non solo a leggere ma soprattutto ad esaminare le notizie e le immagini riportate sui pannelli, che possono aiutare a dare una concretezza a quanto lo circonda… al vissuto ed a quanto gli appartiene per dare il giusto significato alle cose, o meglio restituire un’identità a tutto ciò che negli anni si è affievolito, minimizzando l’appartenenza alla realtà locale che va invece rivitalizzata e valorizzata. Non è casuale la scelta dei muri, muraglioni e resti di muri che per anni, immobili nella loro staticità, hanno avuto esclusivamente funzione di supporto a manifesti pubblicitari ed a scritte incontrollate; essi custodiscono una storia anche se furono costruiti con un preciso scopo funzionale, e dove fu possibile, la rigidità strutturale di essi alleggerita da finiture estetiche. Le notizie storiche raccolte negli archivi sono utili ad una conoscenza di base ed hanno l’intento di suscitare quella curiosità costruttiva, finalizzata all’approfondimento degli argomenti trattati. Le fonti consultate, tutte interessanti, sono state riassunte sia per motivi di tempo che di spazio ed in ragione di ciò la ricerca sulle provenienze, la possiamo definire “aperta” per tutti coloro che abbiano desiderio di approfondirla; in sintesi, essa vuole essere un punto di partenza affinché il progetto possa essere realizzato nella sua completezza. Questo progetto ha portato alla luce, quindi, un passato ricco di sfaccettature artistiche, architettoniche e archeologiche che si sostanzia nella storia della nostra Città. L’intento è quello di fissare lo sguardo e l’attenzione su quanto possa descrivere e contenere nella sua evoluzione costruttiva un muraglione; la funzione di esso è imprescindibile, ma la connessione con la realtà locale, soprattutto di valenza artistico-culturale, non è da trascurare poiché la conoscenza è alla base dell’informazione. La conservazione e la valorizzazione sono attività fondamentali: conoscere il passato e il vissuto della nostra gente non deve essere solo un lontano ricordo ma una testimonianza tangibile, così da agevolare la gestione moderna del territorio che ci appartiene e di tutto ciò che del passato è importante”. “Riportare alla luce le antiche mura, valorizzandole attraverso l’illuminazione e l’apposizione di epigrafi – ha affermato l’assessore alla riqualificazione del centro storico e promozione del territorio, Rossella Testa – è certamente un passo fondamentale per la riscoperta delle risorse storiche e culturali di Frosinone. Con questo progetto si contribuisce alla valorizzazione non soltanto del centro storico, ma dell’intera città>>. <<Il progetto “dai muri alle mura” – ha commentato il sindaco Nicola Ottaviani – è partito con l’obiettivo di far riscoprire, ai cittadini di Frosinone, e non solo, il percorso storico e identitario del nostro capoluogo. Le antiche mura della città, infatti, sebbene siano veri e propri bastioni, erano diventate esclusivamente spazi per le affissioni di manifesti pubblicitari: un “ruolo” che poco si addiceva a monumenti tanto ricchi di storia. Con gli assessori Riccardo Mastrangeli e Rossella Testa abbiamo quindi deciso di valorizzarle, rimuovendo dai muri tutti gli impianti pubblicitari, attraverso interventi di pulizia ed illuminazione a led. L’intera operazione si è rivelata a costo zero per i cittadini, perché abbiamo posto a carico del concessionario di pubblicità l’intero investimento, come abbiamo specificato nell’apposito bando di gara. Nei prossimi giorni provvederemo all’affissione delle prime epigrafi di rievocazione storica sui muri, che oggi vengono trasformati nelle mura della città, tenendo presente che alcune strutture sono addirittura di origine medioevale, rimaste nascoste fino ad ora dai pannelli obsoleti delle reclame”.

Frosinone, 27/04/2016

Informazioni su Samantha Lombardi 4468 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it