6 dicembre 2016

IV e ultimo appuntamento di Mnemòsine

«Ogni memoria rappresenta un affresco nelle pagine dell’esistenza di un popolo e di un individuo. Ognuno di noi è una persona unica in funzione del proprio vissuto e dell’enorme bagaglio di sensazioni, emozioni e ricordi che ha contraddistinto la propria vita».

 

È al via il quarto e ultimo appuntamento di Mnemòsine, ricordo, suggestioni, narrazioni con “La memoria nel recupero delle proprie radici”: venerdì 29 aprile – ore 18:30 toccherà allo scrittore Maurizio Ponticello confrontarsi con il ruolo del ricordo delle origini per rifondare la memoria di oggi. L’autore sarà accompagnato dalla giornalista Federica Flocco e dalla voce narrante di Camilla Aiello, che leggerà alcuni brani del suo ultimo libro “Forse non tutti sanno che a Napoli…” (Newton Compton). L’incontro, come di consueto, si terrà presso la galleria Le Quattro Pareti, in Via Fiorelli 12/D (Na).

La rassegna è organizzata da CaffèLetterario (gruppo-comunità virtuale del social network Facebook, fondato da Argia Di Donato) e Le Quattro Pareti (galleria d’arte dell’avv. Maria Giovanna Villari), in collaborazione con la libreria di tutti IOCISTO, il movimento culturale Liberiamo il cratere, le associazioni La casa di Mercurio, Le Cose che vanno, Novello Aedo, l’organizzazione Arilù Music e la Drogheria Fiorelli. Le opere pittoriche dell’artista napoletano Raffaele Pisano in omaggio a Parthenope, fanno da cornice all’intera manifestazione.

 

Dopo il successo dell’inaugurazione con “La memoria per costruire il presente” (con la giovane autrice Lavinia Petti e il mondo fantastico di una Napoli Oltre), la rassegna in onore della memoria, ha visto al suo secondo e terzo incontro, l’alternarsi di voci poetiche differenti ma intense per celebrare “La memoria tra consapevolezza ed impegno” (due generazioni a confronto Elena Varriale e Erika Filardo, con incursioni nel sociale e nelle tematiche di impegno civile), e “La memoria visionaria dell’io” (l’altalenante collazione di ricordi e visioni oniriche della poetica di Carolina Cigala).

Mnemòsine per il quarto e ultimo appuntamento presenta “La memoria nel recupero delle proprie radici”, venerdì 29 aprile – ore 18:30, di cui si farà portavoce Maurizio Ponticello, autore di Forse non tutti sanno che a Napoli… (Newton Compton), un incredibile viaggio che percorre oltre duemilaseicento anni della storia di Napoli e delle memorie perdute, presentate sotto una luce nuova che rivela aspetti insoliti, a volte oscuri ma pur sempre affascinanti. Relatrice, la giornalista Federica Flocco. Letture a cura di Camilla Aiello, avvocato, attrice.

Intervento di Mirko Marangione, Presidente dell’Organizzazione no Profit Le Cose che vanno.

Al termine dell’evento sarà possibile per gli ospiti degustare le specialità tipiche della Drogheria Fiorelli.

 

MNEMÒSINE, Ricordo, suggestioni, narrazione.

Il ruolo della memoria nel percorso individuale e collettivo. Dal recupero delle proprie radici alla costruzione di un futuro possibile, attraverso un viaggio interiore che offre, nella riflessione individuale, un’opportunità per affrontare con una differente chiave di lettura i temi comuni della moderna società. È una celebrazione della Memoria nella sua accezione più antica, Mnemòsine, la madre delle muse tutrici delle arti, e di tutti gli aspetti a essa connessi, per acquistare la consapevolezza di ciò che si è e del proprio ruolo nel mondo.

Quattro, dunque, i temi proposti, e quattro le tappe e gli aspetti diversi della relazione tra uomo e memoria (la memoria per costruire il presente; la memoria tra consapevolezza ed impegno; la memoria visionaria dell’io; la memoria nel recupero delle proprie radici), illustrati tramite un approccio letterario e poetico contraddistinto dagli ospiti della manifestazione che via via si sono alternati nei locali de Le Quattro Pareti (Via Fiorelli 12/D – NA) durante i mesi di marzo e aprile 2016.

 

NOTA AL LIBRO

Dopo gli ultimi due straordinari successi (Misteri, segreti e storie insolite di Napoli e Il giro di Napoli in 501 luoghi), Maurizio Ponticello ritorna con un altro sorprendente libro sulla città partenopea. Spaccati inediti, storie sconosciute o alternative, focus meno noti su argomenti famosi, aneddoti, avvenimenti tratti dalle cronache dei secoli passati, misteri sepolti tra manoscritti, pietre, guglie e pareti, curiosità ed episodi legati a personaggi celebri e poi del tutto dimenticati: questo libro racconta ciò che spesso è stato tralasciato dalla storiografia ufficiale o è rimasto nascosto tra le pieghe della storia “autorizzata”. In Forse non tutti sanno che a Napoli…, oltre la linea dei luoghi comuni, i duemilaseicento anni circa delle avventure napoletane sono presentati sotto una luce nuova e rivelano aspetti insoliti, a volte oscuri o occultati, ma sempre affascinanti. Grazie a questi preziosi tasselli prende vita sotto i nostri occhi una rappresentazione originale, viva e sorprendente della città partenopea. Una città resa grande dalle storie minime e che ha saputo, da sempre, rendere grandi anche le storie minime.

 

BIOGRAFIA MAURIZIO PONTICELLO

Maurizio Ponticello è stato corrispondente di testate radiofoniche e televisive, redattore di vari quotidiani e cronista de «Il Mattino». È autore di Napoli, la città velata (Controcorrente); I misteri di Piedigrotta (Controcorrente); I Pilastri dell’anno. Il significato occulto del Calendario (Mediterranee-Arkeios) e del thriller La nona ora (Bietti). Per la Newton Compton ha pubblicato Forse non tutti sanno che a Napoli… e, con Agnese Palumbo, Misteri, segreti e storie insolite di Napoli e Il giro di Napoli in 501 luoghi. Ha scritto racconti per varie antologie tra cui Apocalisse 2012 e Sbirri di Regime. Ha avuto diversi riconoscimenti tra i quali il premio Domenico Rea. È vicepresidente della storica associazione Napolinoir.  Il suo sito è www.maurizioponticello.it

 

BIOGRAFIA FEDERICA FLOCCO

Federica Flocco è una coraggiosa paladina della cultura in tutti i suoi aspetti e manifestazioni. Cura da anni la rubrica “Il libro della settimana” di Canale 21. Lettrice competente e appassionata. Militante  volontaria, socia fondatrice della libreria “Iocisto” nata per azionariato popolare. Cura eventi, moderazioni e presentazioni di libri. Partita dalla lettura approda alla scrittura con sapienza e sensibilità. Da quest’anno si è messa in gioco partecipando all’“Officina delle parole”.

 

BIOGRAFIA CAMILLA AIELLO

Avvocato, attrice.

 

BIOGRAFIA RAFFAELE PISANO

Raffaele Pisano nasce a Napoli il 5 settembre 1968. La sua infanzia è segnata da una vocazione per il disegno, Laurea in Architettura, ma la passione per il disegno continua ad affacciarsi più volte. Durante gli studi universitari incontra il Professore Architetto Riccardo Dalisi. Designer (premio Compasso d’oro) per collaborazioni estemporanee, con il passare del tempo la sua formazione più tecnica non allontana la voglia dell’esprimersi con il disegno a mano e la pittura che con i suoi infiniti colori e sfumature esperienza tattile forte. Nelle sue realizzazioni si richiama spesso il mare, il mediterraneo e il suo mondo fatto di barche, pesci, colori, popoli, case, luoghi e atmosfere antiche, ancestrali ma sempre presenti. L’artista è appassionato di immersione subacquea.

La sua prima mostra è stata a Napoli alla galleria Merliani; fa seguito una seconda alla galleria Partenope, dove espone gran parte dei suoi dipinti ad olio su tela e altri supporti: il mare è il tema dominante con le sue creature e le imbarcazioni. Il tema è svolto con figure oniriche a volte surreali, la tela è il luogo ideale del surreale per comunicare con la sensibilità e per ritrarla assieme a tutto il contesto, a volte un racconto introspettivo, a volte finestra alla quale affacciare le proprie attese. L’immagine diviene la chiave di volta del sogno, analogamente al subacqueo che esplora il mare per stabilire nuove scoperte possibili.

– Invitato a partecipare alla collettiva a Sant’Elmo maggio 2010 Napoli, sperimenta la pittura “dal vivo” dipingendo all’aperto mentre i visitatori si muovono intorno incuriositi;

– 2007 mostra in via Merliani Napoli “piccola Galleria Merliani;

– Chiusi (Siena ) personale presso “Galleria del Lago” 2008;

– collettiva a S.Martino, Napoli;

– mostra alla galleria Partenope in via del Parco Margherita Napoli 2009″Il Sogno Blu”;

– ottobre 2010 partecipa alla collettiva ad Amalfi Ars Faciendi, nel cortile A.S.S.T la rassegna organizzata dalla galleria Partenope di Napoli, collettiva strutturata in più sezioni d’arte, dall’olio agli acquerelli al mosaico;

– Personale al Palazzo Parente Aversa (CE) 2015 con esposizione di lavori in terracotta dipinta e dove sono rappresentate la casa del mediterraneo: la mostra è intitolata, appunto, le pietre e il mare.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.