Credere in sé stessi: parola di Claudio Ranieri

BIRMINGHAM, ENGLAND - AUGUST 01: Leicester City manager Claudio Ranieri during the Pre-Season Friendly match between Birmingham City and Leicester City at St Andrews (stadium) on August 1, 2015 in Birmingham, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Potrebbe essere un uomo come tanti, o quasi. Già discreto difensore di squadre di calcio di medio livello tra serie A e B, intraprende la carriera di allenatore partendo dalle categorie inferiori (interregionale, per l’esattezza) fino a divenire un mezzo giramondo tra Italia, Spagna, Francia, Grecia ed Inghilterra. Ultima fermata, Leicester, città dell’Inghilterra centrale, a guidare il Leicester City Football Club, di proprietà del miliardario thailandese Vichai Srivaddhanaprabha, squadra senza velleità di successo. Obiettivo di inizio stagione: permanenza nella massima serie. Ed invece Leicester è teatro dell’inverosimile. Una squadra senza pretese si diceva, di vecchie glorie, qualche giovane interessante, gente in cerca di riscatto ed onesti lavoratori della pedata, che invece mette sotto tutta la Lega di Sua Maestà. Si fa beffa delle campagne acquisti faraoniche, meglio ancora da sceicchi, di squadre molto più blasonate al punto di essere vicinissima alla conquista di un titolo insperato ed irripetibile. Come dicevamo, il condottiero è lui, Claudio Ranieri da Roma. Il perdente di successo, l’allenatore valido ma che non sfrutta le occasioni che gli capitano. Vallo a spiegare che le sue sono state “mezze occasioni” perché spesso le squadre sono da rifondare, le società allo sbando o per i tifosi non ha il “pedigree” del vincente. Per non parlare dei presidenti di turno, abbagliati dalla “mediaticità” di taluni piuttosto che dalla serietà ed dalla professionalità di altri. Ah, la meritocrazia!

Caludio ranieri e VardyE quindi gli capita di essere esonerato dall’incarico nonostante i buoni risultati, qualche titolo vinto, aver tirato su una squadra che poi, sfruttando il suo lavoro, vincerà. La sua storia è quella di un eterno incompiuto, un lungo “vorrei ma non posso”, un “se avesse avuto più fortuna…” o “con un anno in più a disposizione…” o “ se gli avessero comprato quel calciatore…”. Ma Claudio non si volta mai indietro, non lo senti recriminare contro la sorte avversa, inveire contro un arbitro, un allenatore o chi gli ha remato contro (eppure avrebbe potuto). La sua avventura va avanti, da squadre blasonate alla serie B. Sempre a testa alta. Il suo credo è perseverare nel suo lavoro, mantenere il contegno in ogni situazione, Claudio fa del rispetto per sé e degli avversari i suoi tratti distintivi.  Pochi punti, ben fermi che fanno impazzire i suoi tifosi. Soprattutto gli inglesi, che lo eleggono loro beniamino sin da subito. E si ritrova, a quasi 65 anni, a guardare gli altri allenatori e le altre squadre dall’alto della classifica. Non con l’arroganza di chi percorre corsie preferenziali verso il successo (i raccomandati esistono anche nel calcio) ma con la fierezza di chi suda e si sbatte tutta la vita per ottenere i risultati. Meritatamente.

Guardare le sue conferenze stampa, leggere le sue interviste ci fa emozionare, ci immedesimiamo, siamo tutti Claudio Ranieri. Se quasi tutto il mondo del calcio tifa Leicester, tutto il mondo si sente Claudio Ranieri. Forse non ha avrà avuto il talento degli eletti, non è stato compiacente con la stampa, non ha accattivato la simpatia dei tifosi (anche se quasi tutte le piazze lo hanno amato), ma di sicuro ce l’ha messa tutta. Sempre. Credendo in se stesso, amando ciò che ha sempre fatto. In questo è l’uomo comune. Che poi un giorno, quando ormai non ci crede o non ci spera più, va a finire che raccoglie tutto assieme quanto di buono ha seminato. La storia di Claudio e della sua squadra diventerà probabilmente un film (si dice che Robert De Niro interpreterà il suo ruolo), le
loro gesta sono già leggenda. Claudio, candidato alla nomina di “baronetto”, è per noi esempio, fonte di ispirazione. A non arrendersi. A non mollare. A trovare dentro di noi le motivazioni e le gratificazioni che altri non ci riconoscono. Forza Claudio! Vinci per noi!