4 dicembre 2016

Frosinone – “Rotatoria Madonna della Neve”

L’incrocio di Madonna della Neve è da anni al centro delle polemiche, con i residenti che da tempo si sono opposti all’ipotesi del sottopasso proposto dall’Amministrazione Comunale, sia per le molteplici difficoltà che si incontrerebbero nella sua realizzazione visti gli spazi angusti, sia perché ad oggi non esiste una strada di uscita in alternativa alla via Livio De Carolis verso la Piazza Madonna della Neve, a dirlo è Paolo Cioè. In luogo del sottopasso, da qualche mese è stata istituita una rotatoria a goccia, che rientra nel progetto di “urbanizzazione” della Monti Lepini. La struttura è stata realizzata attraverso il posizionamento di separatori e canalizzatori del traffico in PVC (New-Jersey) bianchi e rossi, per ridisegnare il nuovo incrocio. Il Comune ha deciso di agire e ha scelto questa opzione, che forse sarà meno costosa e più veloce, ma lascia aperti alcuni dubbi e perplessità. Che fine farà la piazza? E i pedoni? Una rotatoria non dovrebbe assicurare ai pedoni un’accessibilità sicura e confortevole? A mio avviso, la piazza è completamente assorbita dalla rotatoria in quanto dovendo confluire in essa ben cinque strade tutto lo spazio è adibito alla circolazione degli autoveicoli. Inoltre la rotatoria costituisce un notevole pericolo per i pedoni, soprattutto per le persone anziane che devono attraversare la Monti Lepini in grave difficoltà senza gli attraversamenti regolati da idonei semafori costringendoli perciò ad aspettare anche molto tempo prima che qualche zelante automobilista si fermi. Altra perplessità riguarda l’isolamento del popoloso quartiere di Colle Cottorino (problema discusso addirittura nella Camera dei Deputati con la seduta del 11 dicembre 1989), infatti le auto che escono dal quartiere hanno più difficoltà ad immettersi nella rotatoria, poiché hanno l’obbligo di dare precedenza ai veicoli circolanti all’interno. Il quartiere si trova tagliato fuori, senza delle accortezze tecniche che agevolino la viabilità che risulta ad oggi caotica e irrazionale. L’unico aspetto positivo della rotatoria risulta essere una maggiore scorrevolezza del traffico in continua rotazione intorno ad un fulcro che potrebbe andare bene in determinate ore ma non nelle ore di punta, quando la rotatoria sarà sempre impegnata dal flusso principale mentre le altre intersezioni rimarrebbero bloccate, si fermerà tutto con un inquinamento in costante aumento. Perplessità, anche per i cortei funebri ad oggi, con le istallazioni provvisorie, si è costretti a fare un percorso abbastanza più lungo prima in direzione Alatri/Sora, poi indietro verso la Monti Lepini generando interminabili code. La risoluzione del problema a mio avviso consiste nella realizzazione di alcuni tratti di strada sufficienti a fornire dei collegamenti idonei ad intensificare il reticolo di strade e creare alternative di flussi evitando percorsi obbligati,in modo tale da alleviare il traffico per poi arrivare a uno spazio svuotato dalle auto con l’obiettivo di valorizzare il santuario, l’unico esistente nel comune di Frosinone e dell’unica fontana storica.  In questo modo si potrebbe dotare la città di Frosinone di una piazza, uno spazio da recuperare per la socializzazione e l’aggregazione ormai soffocata dal traffico veicolare ed in sosta. Alla luce degli ultimi  interventi realizzati e dalle iniziative promosse dall’amministrazione comunale (vedi la sistemazione di Piazza Vittorio Veneto, dell’isola pedonale di Largo Turriziani, nonché della realizzazione di una piazza pedonale pubblica libera dal traffico sull’area dell’attuale piazzale Kambo), stiamo assistendo ad un percorso encomiabile verso la riqualificazione degli spazi di aggregazione promuovendo la socializzazione tra i cittadini. In tale contesto si inserisce l’iniziativa di un architetto a mio avviso lodevole di considerazione diretta a non concedere uno spazio simile alla semplice circolazione dei mezzi e a non far compromettere in modo irreversibile l’area a disposizione.

Paolo Cioè

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it