4 dicembre 2016

Calcio – Serie D, pari a reti bianche tra Ostiamare e Olbia, quinto risultato utile consecutivo per i lidensi

Finisce in parità, e a reti bianche, il match dell’Anco Marzio tra Ostiamare e Olbia, terzultimo appuntamento stagionale in Serie D e penultimo tra le mura amiche per i ragazzi di Chiappara. Gara intensa, combattuta, equilibrata, con le difese perfette, particolarmente quella biancoviola che non ha concesso nulla a Cossu e compagni. In avanti poche le chances per penetrare le linee nemiche nonostante la grande determinazione e voglia messa dai ragazzi di Ostia che, fino all’ultimo, hanno cercato di raggiungere la vittoria (nel finale chance fallita da Piro). E’ arrivato invece il secondo pari di fila, quinto risultato utile consecutivo (11 punti nelle ultime cinque sfide di campionato) per i biancoviola che si portano a 43 punti in graduatoria a due giornate dalla fine.
L’Ostiamare parte all’attacco, al fischio del signor Panettella, ma come detto sono davvero ridotte le occasioni nel primo tempo. Al 5′, dopo un’iniziativa lidense che non produce l’esito sperato, l’Olbia prova a farsi minacciosa con il colpo di testa di Cotali. Quattrotto, però, titolare per la seconda volta di fila dopo la buona prova di Lanusei con rigore parato al 91′, è attento e blocca con sicurezza.
Biancoviola che provano a costruire occasioni da rete, con il movimento di Massella e Ferrari e i centimetri del gigante Vano, ma non accade molto fino al 36′ quando Conti riesce a bucare la porta difesa da Ciotti. L’arbitro, però, su segnalazione dei suoi assistenti, annulla per una scorrettezza commessa proprio dal numero quattro dell’Ostia. Nel recupero altra offensiva biancoviola, Maestrelli conclude in diagonale ma non trova lo specchio anche se non di molto.
Si riparte, dopo l’intervallo, ma la musica non cambia. Tanti gli scontri, soprattutto a centrocampo, tanta l’energia profusa dai 22 in campo ma poche, in sostanza, le emozioni. La scossa, in casa Ostia, arriva dall’innesto di Piro, che va a dare ulteriore corsa e fantasia sull’out di destro, mentre Mignani si affida sempre a Cossu e alla sua esperienza e qualità, ma poi prova a cambiare giocandosi la doppia carta Caboni-Doddo. Poi, spazio anche a Mastrantonio nei lidensi, mentre l’ultimo cambio per i galluresi è Malesa per un esausto Piredda.
Occasioni col contagocce, ma è L’Ostia a provarci di più e nel finale, dopo un paio di palloni scaraventati in area, ma non colpiti per pochissimo, arriva la chance per Piro che converge verso il centro e, poco prima dell’area, sfodera un gran destro. Tanta forza, ma 0 precisione. Palla alta e fischio finale del direttore di gara, a sancire lo 0 a 0. Pareggio comunque positivo che fa salire i lidensi a 43 punti, ora Genzano, nell’ultima trasferta stagionale.

15^ GIORNATA DI RITORNO
OSTIAMARE – OLBIA 0-0
OSTIAMARE: Quattrotto; Piroli, Conti (15’st Piro), De Nicolò, Succi; Maestrelli, D’Astolfo, Catese; Ferrari (22’st Mastrantonio); Massella, Vano (31’st Fraschetti). A disp.: Barrago, Cesaretti, Macellari, Ramacci, D’Antoni, Kikabidze. All.: Chiappara.
OLBIA: Ciotti; Pinna, Dametto, De Angeli, Cotali; Piredda (35’st Malesa), Geroni, Gallo (18’s t Caboni); Cossu; Mastinu, Aloia (18’st Doddo). A disp.: Van der Want, Cacciotti, Formuso, Steri, Vispo, Molino. All.: Mignani.
ARBITRO: Panettella di Bari. ASSISTENTI: Cefariello e Mariniello di Ercolano.
ESPULSO: 34’st Cacciotti (OL) dalla panchina per proteste.

Riccardo Troiani