Rossi è il re di Jerez

Termina il quarto appuntamento della classe regina e il GP di Spagna è vinto da Valentino Rossi, Movistar Yamaha, davanti al compagno di scuderia Jorge Lorenzo; terzo è Marc Marquez del team Repsol Honda. Una prova di forza quella del Dottore che taglia il traguardo dopo aver condotto la corsa dal primo all’ultimo giro. Ducati termina il suo fine settimana andaluso come l’aveva iniziato, non brillando: Andrea Dovizioso è fuori e Andrea Iannone salva il salvabile con il settimo posto.

Si apre la gara della cilindrata più alta dopo il primato del warm up firmato da Marquez. Le condizioni climatiche sono definitivamente migliorate e la nebbia che ha caratterizzato la mattina andalusa e ha costretto a posticipare di 35 minuti le prime prove domenicali scomparsa. La prima fila della griglia di partenza è composta da Rossi affiancato dal compagno di box Jorge Lorenzo e dal numero 93 HRC in terza piazza. Una prima fila fatta da diciotto corone iridate che si sono affidate alla mescola media per le loro Michelin posteriori e dura per le anteriori.

Si spegne il semaforo ed è subito duello, Rossi parte bene e guida la gara; Dovizioso, scattato dalla quarta posizione, si fa minaccioso ma va lungo e viene sorpassato da Marquez, che a metà giro è terzo dietro a Lorenzo. Pedrosa entra deciso sul compagno HRC e lo supera alla curva 4. Al primo passaggio le Yamaha sono davanti e le Honda inseguono, dietro la Suzuki di Aleix Espargaro e la Ducati di Dovizioso con Iannone 14esimo.

Al secondo giro è sfida interna alle due scuderie davanti, tra Marquez e Pedrosa e tra Lorenzo e Rossi. Emozionate la lotta tra rispettivi compagni di box ad ogni curva di Jerez. Il Dottore allunga di qualche metro mentre il numero 93 si fa sotto alla M1 del campione del mondo in carica. Giro più veloce di Rossi con il crono di 1.40.090s quando Marquez sembra studiare l’attacco a Lorenzo che pare leggermente più lento rispetto al compagno di squadra e rivale, tra i due ci sono circa 0.900 secondi.

Cade Alvaro Bautista, il pilota Aprilia Gresini finisce nella ghiaia alla curva 11. Dovizioso prova l’attacco in staccata a Aleix Espargaro senza riuscirci mentre Eugene Laverty, Aspar Team, è il migliore dei piloti non ufficiali all’ottavo posto.

Mancano 19 giri alla fine, il vantaggio di Rossi su Lorenzo è di 2.239 secondi e il nove volte iridato spinge sul gas per aumentare il distacco. Problemi tecnici per Dovizioso che frena e si accoda all’ultimo posto ritirandosi a fine giro. La sfortuna continua ad incombere sul forlivese di Ducati. Con il numero 4 fuori dai giochi e con Iannone undicesimo a metà GP Spagnolo tutto si complica per la scuderia di Borgo Panigale.

Marquez è sempre terzo dietro a Lorenzo, il talento di Cervera pare aver più passo della M1 del connazionale e attende gli ultimi giri per provare a conquistare il secondo, non ci riuscirà. Iannone è costretto a difendere la sua undicesima piazza dai continui attacchi di Cal Crutchlow, LCR Honda.

A dodici giri dalla fine è Aleix Espargaro a provare l’attacco a Pedrosa per la quarta posizione, ma il pilota di Sabadell chiude tutte le curve e tiene dietro il numero 41. Marquez intanto sembra più distante da Lorenzo che ha spinto per due passaggi tentando di levarsi dal mirino del connazionale al terzo posto. In queste fasi tra i tre c’è la stessa distanza mentre prosegue la sfida tra Suzuki e Honda per la quarta piazza.

A dieci giri dalla fine il più veloce è Lorenzo che prova a mangiare secondi al Dottore ma è lo stesso a guadagnare sul rivale subito dopo. Intanto Iannone torna tra i migliori dieci, ora è ottavo in caccia della settima piazza occupata dal pilota Yamaha Pol Espargaro, al settimo giro il numero 29 sorpassa tentando di raddrizzare un fine settimana storto con carattere e costanza, alla fine sarà settimo.

Rossi è sempre più primo e Lorenzo sembra definitivamente staccato a 3.545s, il Dottore solo in un giro ha distanziato il numero 99 di 0.200s circa. Un passo di fuoco quello del numero 46 nelle battute finali di GP.

Il dominio di Rossi termina con la vittoria, la 113esima in carriera per il pesarese. Lorenzo si consola con il suo centesimo podio e la seconda piazza davanti a Marquez. Pedrosa è quarto davanti al duo Suzuki composto da Espargaro e Viñales. Con il risultato di oggi le prime tre posizioni in classifica iridata non cambiano: Marquez è primo con 82 punti, seguono Lorenzo e Rossi con 65 e 58 punti.

Lunedì i piloti saranno impegnati sulla pista andalusa per i test post gara mentre il successivo appuntamento per la classe regina sarà venerdì 6 maggio a Le Mans quando le prime libere daranno il via al GP di Francia.

Fonte: motogp.com

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7629 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.