7 dicembre 2016

Ragazzi di tutto il mondo a Roma per il giubileo – Invasione pacifica

«Vi vorrei chiamare uno a uno, vi vorrei chiamare per nome»: così Francesco si era rivolto ai ragazzi e alle ragazze di tutto il mondo nel messaggio inviato loro per invitarli a Roma per l’anno santo straordinario. E il giorno dell’appuntamento è arrivato. Con il Pontefice sarà domenica 24 aprile, ma le decine di migliaia di adolescenti che hanno dato al Pontificio consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione la loro adesione al pellegrinaggio cominciano già da sabato la loro tre giorni romana.

Accolti dalle comunità parrocchiali della diocesi, i ragazzi si radunano dapprima presso le tre chiese giubilari di San Salvatore in Lauro, Santa Maria in Vallicella e San Giovanni Battista dei Fiorentini, dove è prevista la preparazione alle confessioni. Gli organizzatori hanno preparato cinque schede tematiche per aiutare ognuno a entrare pienamente nel tema del pellegrinaggio «Crescere misericordiosi come il Padre». Dopo che i gruppi saranno confluiti a Castel Sant’Angelo, avrà inizio il percorso che vedrà i giovani pellegrini giungere, attraverso via della Conciliazione, in piazza San Pietro. Qui, per tutto il giorno, potranno accostarsi al sacramento della confessione, attraversare la porta santa e poi fare la loro professione di fede sulla tomba di Pietro. Centocinquanta sacerdoti saranno a loro disposizione per l’assistenza spirituale.

In serata, poi, tutti allo stadio Olimpico per una grande festa all’insegna di musica e testimonianze, organizzata dal servizio nazionale per la pastorale giovanile della Conferenza episcopale italiana. Già dalle 19 alcuni gruppi provenienti da varie diocesi si esibiranno sul palcoscenico allestito per l’occasione. Alle 20.30 l’inizio ufficiale della festa che, trasmessa in diretta da Tv2000, sarà condotta da Simone Annichiarico e Tosca D’Aquino e vedrà la partecipazione di numerosi personaggi del mondo della musica, del cinema e dello sport amati dai più giovani.

Non sarà, però, solo la musica la protagonista della serata: nella scaletta sono previste diverse testimonianze per proporre ai ragazzi spunti di riflessione. L’invito alla custodia e alla salvaguardia del pianeta potrà, ad esempio, venire dagli astronauti dell’Agenzia spaziale europea Luca Parmitano e Paolo Nespoli. I temi dell’accoglienza, dell’attenzione verso il povero e lo straniero, della tutela dei diritti e della dignità di ogni uomo, emergeranno invece certamente dall’incontro con il regista Gianfranco Rosi e con alcuni attori del suo docufilm Fuocoammare — Orso d’oro a Berlino — dedicato all’isola di Lampedusa e al dramma dei migranti.

La festa avrà quindi il suo coronamento la domenica mattina, di nuovo in piazza San Pietro, con la celebrazione della messa presieduta da Papa Francesco. Ma non finirà lì. La giornata proseguirà infatti con la visita alle “tende della misericordia” allestite in sette piazze del centro storico di Roma per raccontare ai pellegrini e a tutti i cittadini testimonianze di opere di misericordia corporale e spirituale. La pacifica “invasione” della capitale continuerà anche lunedì 25. Poi il ritorno a casa dove i ragazzi, come ha scritto loro Francesco, saranno chiamati «a diventare dei cristiani capaci di scelte e gesti coraggiosi, in grado di costruire ogni giorno, anche nelle piccole cose, un mondo di pace».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.