3 dicembre 2016

IV° Municipio – PUP San Giuseppe Artigiano, Sciascia: “C’è chi specula e chi si occupa seriamente dei problemi”

“Come Municipio ci siamo fatti carico da subito” dichiarano il Presidente Emiliano Sciascia ed il Consigliere Pd Francesco Ferlito, in merito alle strumentali polemiche di questi giorni sul Pup San Giuseppe Artigiano “di seguire il problema sollecitando più volte le parti interessati ad una soluzione rapida della vicenda che risale a quasi diciannove anni fa quando con deliberazione G.C. 5481 del 19/12/1997 fu approvato il piano parcheggi. Successivamente fu stipulata la convenzione ed il 19/06/2009, ben sette anni fa, è stato rilasciato il permesso per la costruzione.
I lavori sono stati interrotti per problemi di natura finanziaria del concessionario la Società SILE srl. che successivamente è fallita. L’opera, ad oggi, risulta incompleta in quanto manca la sistemazione di superficie, che non rende fruibile la piazza e le finiture interne.
Dopo numerose segnalazioni da parte del Municipio e del IV Gruppo, il Dipartimento alla Mobilità ha intimato al curatore fallimentare, e prima alla società, di provvedere alla manutenzione ricevendo in cambio la disponibilità ad effettuare solo interventi minimi di emergenza.”
“Vogliamo ricordare -sottolineano il Presidente Sciascia ed il Consigliere Ferlito – “che il Municipio in questa vicenda è per così dire spettatore interessato e nel caso di fallimento le strade percorribili sono due: nel primo caso l’amministrazione può corrispondere alla curatela del fallimento, previa perizia del C.T.U. la somma corrispondente ai lavori effettuati; nel secondo caso l’amministrazione può permettere che la curatela fallimentare agisca liberamente per il fallimento dell’intera opera superficiaria nei limiti consentiti dalla legge. Al momento siamo in attesa del pronunciamento degli organi di governo dell’Ente, nonché degli organi di indirizzo di Roma Capitale in relazione alle facoltà attribuite dalla convenzione al concedente in caso di fallimento del concessionario”.