9 dicembre 2016

La libertà di stampa è viva o morta?

La libertà di stampa, considerata uno dei diritti fondamentali del cittadino, tanto da essere tutelata dall’articolo 21 della Costituzione, non è propriamente cosa certa e scontata.  L’associazione non-governativa “Reporters sans frontières” ,fondata nel 1985 dal giornalista francese Robert Ménard, stila annualmente una classifica dove indica la libertà di stampa di 180 paesi, nell’ultima classifica 2016 l’Italia ha perso ben 4 posti, ponendosi al 77esimo posto, preceduta dalla Moldova e seguita dal Benin. Si pone così come fanalino di coda della Ue, seguita soltanto da Grecia, Cipro e Bulgaria.

Nel  2014 si sono verificati diversi casi di aggressione fisica e di incendio doloso a case o auto di giornalisti. I processi per diffamazione “ingiustificati”, secondo i dati Rsf raccolti dall’associazione “Ossigeno per l’informazione” che da anni registra notizie sui giornalisti minacciati in Italia, sono aumentati da 84 nel 2013 a 129 nei primi dieci mesi del 2014.

Stupisce che in graduatoria il nostro Paese sia superato anche da Paesi come l’Ungheria del discusso premier Orban (65esimo posto) o come Burkina Faso e Niger (46esimo e 47esimo posto). Peggio dell’Italia in Europa è riuscita a fare solo Andorra, caduta in un anno di 27 posizioni a causa delle difficoltà incontrate dai giornalisti nel raccontare le attività delle banche del piccolo Paese tra Francia e Spagna.

«Il settantasettesimo posto nella classifica sulla libertà di stampa pubblicata da Reporter senza frontiere – commenta il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso – è un dato che deve far riflettere tutti anche se non ci sorprende. Del resto, in Italia vige ancora l’articolo 595 del codice penale che prevede il carcere per i giornalisti: non aiuta certo in una classifica sulla libertà di stampa. Anche se da anni si parla di intervenire, il 595 è sempre lì».

“L’interferenza sui media da parte dei governi – si legge nel rapporto – è una realtà in molti Paesi dell’Unione europea. Ciò è dovuto alla concentrazione della proprietà dei mezzi di informazione in poche mani e nell’assenza di trasparenza sui proprietari”. Inoltre “la Ue non ha regole sulla distribuzione degli aiuti di Stato ai media”. Nel rapporto si parla del controllo dei mezzi di informazione che nelle aree di conflitto è diventato un vero e proprio strumento di guerra: in particolare lo Stato islamico sta usando i media come uno strumento di propaganda e di reclutamento. L’Is controlla cinque stazioni televisive a Mosul in Iraq e due nella provincia siriana di Raqqa.

Va meglio dello scorso anno in Africa, dove c’è più libertà di stampa che in America, piagata dalla «violenza crescente contro i giornalisti in America latina», spiega il Rapporto, mentre l’Asia continua ad essere il continente più indietro di tutti. Il nord dell’Africa e il Medio Oriente sono «la regione del mondo in cui i giornalisti sono sottoposti a difficoltà di ogni tipo» per esercitare il proprio lavoro, ma anche in Europa si registra un indebolimento della libertà dei media.

Dei 180 Paesi valutati, la Finlandia continua ad essere quello in cui le condizioni di lavoro per i giornalisti sono miglior, seguita da l’Olanda, che guadagna due posti, e la Norvegia, che ha perso la seconda posizione. Russia, Turchia ed Egitto sono rispettivamente al 48esimo, 151esimo e al 159esimo posto. Chiudono la classifica Turkmenistan (178esimo), Corea del Nord (179esima) ed Eritrea (180esimo), mentre i miglioramenti più considerevoli riguardano la Tunisia, che guadagna 30 posizioni, e l’Ucraina che risale di 22 posti.

E se in alcuni Paesi in guerra, come Iraq (158esimo), Libia (164esimo) e Yemen (170esimo), esercitare il giornalismo è «un atto di coraggio», dice ancora Rsf, in America Latina, «la violenza istituzionale, quella del crimine organizzato, l’impunità, la corruzione, e la concentrazione dei media costituiscono i principali ostacoli per la libertà di stampa».

Per quanto riguarda l’Italia, infine, il rapporto di Rsf cita esplicitamente le conseguenze giudiziarie per i giornalisti che hanno rivelato informazioni riservate sulla Santa Sede: «In Vaticano, è la giustizia che se la prende con la stampa nel contesto dello scandalo Vatileaks e Vatileaks2». E i due giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi rischiano 8 anni di carcere per aver pubblicato i loro libri che rivelano gli sperperi finanziari della Città Santa.

«Ma la stampa in Italia – dice ancora Lorusso – ha anche altri problemi, che non riguardano solo la libertà ma un’organizzazione complessiva di tutto il sistema. Si va dall’assenza di normative antitrust ai meccanismi di nomina della governance dell’ente radiotelevisivo di Stato, che resta legato all’esecutivo in carica. C’è il fenomeno sempre più preoccupante dei cronisti minacciati e costretti a vivere sotto scorta, c’è il tema delle querele temerarie spesso usate a scopo intimidatorio, sul quale ancora manca un provvedimento. Siamo lontani dalle linee guida auspicate dall’Europa, secondo le quali la querela intimidatoria deve portare, in caso di sconfitta del querelante, non solo al pagamento delle spese processuali ma anche a sanzioni proporzionali all’entità del risarcimento richiesto con la querela».

E ancora: «Ciclicamente riemergono poi i tentativi mai sopiti di mettere limiti o bavagli all’attività giornalistica, in particolare per quanto riguarda la decisione se pubblicare o no atti giudiziari. E qui occorre essere chiari: il giornalista non può essere depositario di segreti. Se arrivano in mano a un giornalista, e riguardano fatti di pubblico interesse e rilevanza sociale, le notizie o i contenuti di atti devono essere pubblicati, segreti o no. Non sta ai giornalisti proteggere quel segreto. Alla fine – conclude il segretario Fnsi – tutto ciò incide, naturalmente, quando si fanno classifiche sulla libertà di stampa. Carcere per i giornalisti compreso».

Tra i paesi dell’Ue, la Bulgaria è quello più indietro (106esima posizione). Gli Stati Uniti si trovano al 49esimo posto (in calo di tre posizioni), la Russia al 152esimo, appena davanti alla Libia (154). I Paesi più pericolosi al mondo per i giornalisti sono risultati invece l’Eritrea (180esimo posto), la Corea del Nord (179), il Turkmenistan (178) e la Siria (177). In questo speciale indice di Reporter senza frontiere, l’Iraq sconvolto dai jihadisti dello Stato islamico occupa il 155esimo posto, la Nigeria dove agisce Boko Haram il 111esimo.