5 dicembre 2016

Monterotondo – Apre la nuova “casa” della fondazione Carlo Ferri

 

La “casa” della fondazione Carlo Ferri è pronta. Sedici mesi dopo l’inizio dei lavori, la nuova struttura polifunzionale in via Aldo Moro, a Monterotondo Scalo, sarà infatti inaugurata ufficialmente sabato 30 aprile (ore 10.00) nel corso di una cerimonia a cui prenderanno parte, oltre al presidente della fondazione Ilario Moscatelli e al sindaco Mauro Alessandri, rappresentanti di numerose amministrazioni comunali del territorio. Sono stati invitati il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, il presidente della Regione Nicola Zingaretti e, a benedire l’opera, il vescovo della diocesi mons. Ernesto Mandara.

Finanziata da un consistente stanziamento statale, concesso nel 2005 grazie all’intervento del compianto senatore Angelo Cigolani, la nuova sede sorge su un terreno concesso in donazione dal Comune di Monterotondo ed è strutturata su tre livelli per quasi 1600 metri quadri coperti. Ospita al piano terra, immediatamente accessibile dall’esterno, l’atrio, la sala d’attesa e tutti gli ambienti per le analisi e gli esami per immagini (tac, mammografia, ecografia ecc); al primo piano si trovano gli uffici, la presidenza, la sala riunioni e diversi locali ad uso tecnico; al secondo piano, infine, trova posto una sala gastroscopica completa di tutti gli ambienti di supporto necessari, corredata da terrazza interna (giardino d’inverno) che consente l’illuminazione dei corridoi e rappresenta una sala d’attesa aggiuntiva.

Realizzato con materiali a norma in materia di risparmio energetico e di protezione antincendio, l’edificio è realizzato su basamento rialzato e con pavimentazioni drenanti in osservanza alle norme relative al mantenimento della permeabilità del lotto ed è dotato di impianto solare fotovoltaico nonché di impianto solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria.

àCompletano la struttura l’area parcheggio, aree verdi tra cui una di raccordo tra il basamento attorno all’edificio e il resto del lotto, due corpi scala situati agli estremi dell’edificio e destinati uno all’utenza (quello a nord-ovest), l’altro al personale interno (lato est).

La Fondazione “Carlo Ferri” è una struttura di volontariato sociale, attiva dal 1988 in ambito medico-sanitario, che oltre alle attività di studio e ricerca offre servizi di elevata specializzazione nella prevenzione e nella diagnosi precoce soprattutto oncologica. Sono oltre ventimila i pazienti, di tutto il territorio, che ogni anno, con il semplice versamento di un contributo economico volontario e con tempi d’attesa estremamente ridotti, accedono ogni anno a prestazioni d’indagine strumentale – come ad esempio gastroscopia, pap-test, ecografia, mammografia, Tac, ecodoppler venoso e molte altre ancora – e a visite specialistiche relative a numerose branche mediche: oncologia, ginecologia, gastroenterologia, dermatologia, urologia, endocrinologia, otorinolaringoiatria, cardiologia, dietologia, psicologia, neurologia, ortopedia, reumatologia, oculistica e fisioterapia.

Grande soddisfazione da parte della Fondazione, che invita tutti i cittadini a partecipare all’inaugurazione e a condividere questo momento di festa. «La nuova sede – afferma il presidente della “Carlo Ferri” Ilario Moscatelli è un sogno che si realizza. Da oggi le nostre attività trovano finalmente il luogo in cui poter crescere e migliorare ulteriormente, consentendo alla Fondazione  d’essere punto di riferimento per tutto il territorio ancor più di quanto non sia già oggi».

«In questo momento di festa e di nuovo inizio per le attività della Fondazione – aggiunge il sindaco Mauro Alessandri tengo a ringraziare tutti coloro che si sono adoperati, dal presidente e dal Consiglio d’amministrazione ai tecnici comunali che hanno seguito l’iter, affinché la “casa” della Carlo Ferri diventasse realtà. Allo stesso modo desidero rivolgere un pensiero, d’affetto e gratitudine, alla memoria del senatore Angelo Cicolani, che tanto generosamente contribuì alla fattibilità del progetto, e a quella di Aldo Fossati, che da presidente della fondazione ebbe tra i tanti altri meriti quello di impegnarsi in maniera decisiva per il suo buon fine».

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it