4 dicembre 2016

Omicidio Yara, Salvagni, legale Bossetti: “Ho letto le lettere hard che la pm Ruggeri vuol far acquisire alla Corte”

L’Avv. Claudio Salvagni, legale di Massimo Bossetti, sotto processo con l’accusa di essere il killer della giovanissima Yara Gambirasio, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o giustizia”, condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Domani potrebbe essere una giornata importante nel processo. “Questo processo ha assunto delle connotazioni particolari –ha affermato Salvagni-. Di fronte ad un diniego della concessione della perizia sul dna, la Corte avrebbe molta più facilità a motivare una sentenza di assoluzione piuttosto che di condanna. Il gup potrebbe dire che è inutile sentire un undicesimo consulente perché non esiste una risposta scientifica e quel tipo di prova non può essere utilizzata. Io però spero che la corte conceda questa super perizia e in contraddittorio tutti i consulenti si confrontino e trovino una risposta scientifica. La questione dna è centrale in tutto lo sviluppo del processo. Noi abbiamo chiesto 5 perizie, anche quella sull’allineamento delle telecamere per vedere quel famoso furgone, ammesso e non concesso che sia di Bossetti, a che ora passava in quelle zone. Io domani mi aspetto che ci sia una presa di coscienza che le zone d’ombra sono maggiori rispetto alle certezze, quindi credo che sia impossibile non concedere delle perizie”.

Il pm di Bergamo Letizia Ruggeri, titolare delle indagini sulla morte di Yara, ha chiesto di acquisire cinque o sei lettere che Massimo Bossetti si è scambiato con un’altra detenuta del carcere di Bergamo, di nome Gina, con il quale il carpentiere di Mapello ha avuto un fitto scambio epistolare. Nelle lettere – in tutto sono una quarantina – sarebbero contenuti dettagli “a luci rosse” sulle preferenze di Bossetti in relazione all’organo sessuale femminile. Particolari che richiamerebbero da vicino le ricerche che il carpentiere arrestato il 16 giugno del 2014, per l’accusa, avrebbe fatto sui computer di casa. “Purtroppo quest’inchiesta ha voluto riempire dei buchi pazzeschi –ha spiegato Salvagni-, quindi si è cercato di creare delle cose altamente suggestive. Le ricerche di Bossetti su internet non solo non erano pedopornografiche ma non erano nemmeno al profumo di pedopornografia. Sono tutte suggestioni. Le lettere che vuole acquisire la pm Ruggeri le ho lette e a questo punto siamo noi a chiedere che queste lettere vengano acquisite, perché dimostrano che quanto è stato detto in aula è ancora una volta una visione distorta, una suggestione. Non posso entrare nei particolari perché ancora non sono pubbliche. Posso dire però che non c’entrano nulla con le ricerche di Bossetti su internet. Ritengo che questo sia un autogol da parte dell’accusa. Il pm sta puntando su un aspetto totalmente voyeuristico della vicenda che tende a spostare l’attenzione su altre questioni che nulla hanno a che vedere con il processo. E’ come guardare dal buco della serratura”.

Fonte: Radio Cusano Campus