4 dicembre 2016

Roma – Marchini: “Bertolaso non è un pupazzo di Berlusconi, deciderà lui cosa fare”

Alfio Marchini è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito alle affermazioni di Saviano secondo cui al Pd non dispiacerebbe perdere le elezioni a Roma. “Conoscendo Renzi, non credo che possa trovare soddisfazione a perdere –ha affermato Marchini-. E’ oggettivo che il Pd che viene fuori da un fallimento così clamoroso con Marino non può non pagare uno scotto molto forte. Ho grande rispetto per la Meloni, ma anche lei ha il blocco elettorale e il personale politico che ha co-gestito nell’era Alemanno. La Lista Marchini è l’unica che può essere competitiva con il M5S perché entrambi rappresentiamo una discontinuità con il passato. Loro in un modo più teorico, noi in modo più pratico abbiamo fatto opposizione in questi ultimi 3 anni”.

Riguardo un possibile ritiro di Bertolaso. “Non sono un esegeta del pensiero di Berlusconi –ha spiegato Marchini-, sono concentrato sulla città e si vede anche dai risultati dei sondaggi che sono in crescita per quanto ci riguarda. Io non sottovaluterei il fatto che sia Bertolaso autonomamente a decidere il suo futuro. E’ un uomo che ha una sua personalità e, al di là dei desiderata di Berlusconi, lui può decidere da solo. Gli si manca di rispetto trattandolo come un pupazzo e sarà lui a decidere che cosa fare. Una collaborazione con Bertolaso? Io ho già avuto modo di dire che Roma è talmente complicata e difficile che ben vengano personalità ed esperienza, anche avendo fatto errori. Qui è un’emergenza continua. In montagna ci sono i cartelloni ‘attenzione, attraversamento daini’. A Roma invece bisognerebbe mettere ‘attenzione, attraversamento topi’. L’altro giorno una donna in motorino è finita in ospedale perché le ha attraversato davanti un topo gigante ed è caduta”.

Sul Pd. “Il fatto che Giachetti abbia voluto mantenere la carica di Presidente della Camera la dice lunga –ha sottolineato Marchini-. Noi abbiamo fatto una scelta diversa, abbiamo sposato la città per i prossimi 20 anni. Per noi è un cammino. La Lista Marchini è cresciuta, io vivo la politica come impegno nel quotidiano. Secondo me sono troppo pochi i temi su cui si discute. E’ troppo assente dal dibattito il tema del lavoro, che dovrebbe essere al centro, in una città dove i negozi continuano a chiudere. Se si parla di cose astratte è chiaro che la gente si allontana dalla politica”.

Marchini ha confessato di essere un fan di Claudio Baglioni. “Baglioni assessore alla cultura? Posso promettere che se vinceremo noi la musica tornerà protagonista a Roma –ha affermato Marchini-, vogliamo che sia la capitale europea della musica, una città per giovani. Non vedo perché i nostri giovani devono andare al festival della musica a Bruxelles o a Barcellona. Roma ha tutto per ospitare manifestazioni di questo genere. Roma deve tornare a sorridere, a vivere. Più una città è scoraggiata, triste e rancorosa, più il malaffare cresce e trova terreno fertile”.

Sui nidi e le scuole comunali. “Da sindaco terrò per me una delega –ha spiegato Marchini-. Questa città rinasce solo se riparte dalla formazione e se la riformazione riparte dagli asili nido, restituendo dignità al corpo docente. Se una coppia di genitori è costretta a lavorare è più penalizzata, se invece una madre decide di stare a casa è penalizzata il doppio perché ci sono dei criteri di graduatoria che non vanno bene. Dobbiamo aiutare le giovani coppie. Abbiamo anche in mente di recuperare parte delle risorse per indirizzarli all’incentivazione della formazione scolastica”.

Sui trasporti. “A Milano incassano 400 milioni di euro l’anno con la metropolitana, a Roma mancano 400 milioni di incassi che se ne vanno con l’evasione –ha affermato Marchini-. Questi 400 milioni ogni anno in cassa ti permettono non solo di aggiustare le cose, ti permettono di fartela nuova la città. Cominciamo a far rispettare le regole nella metro, miglioriamo e organizziamo bene ciò che abbiamo. Evitiamo che uno paghi il biglietto e passano con lui 5 nomadi, evitiamo i borseggi che vengono fatti continuamente. Per questo noi vogliamo mettere del personale Atac su ogni vagone della metro”.

Fonte: Radio Cusano Campus