10 dicembre 2016

Roma – Affittopoli, colpito uno egli storici centri culturali di Primavalle, il 27 aprile manifestazione di protesta

Dello scoppio del cosiddetto caso “Affittopoli” a farne le spese non sono i “furbetti” del canone agevolato, ma chi a quel canone ha diritto: associazione non a scopo di lucro che si occupano di minori, animali abbandonati, malati, ma anche di cultura e di arte nelle periferie spesso lasciate a se stesse. È stato il caso della palestra popolare a San Lorenzo o dell’Ass. Viva la vita che si occupa di malati di SLA. La stessa scure si è abbattuta sul centro Ditirambo, che vanta oltre 20 anni di attività di rilevanza sociale grazie alle associazioni Antonio Cotogni, Energia per i Diritti Umani, T.A.M., Comunità di Sant’Egidio e La Casetta: corsi di canto, di teatro, di disegno per adulti e bambini, ma anche corsi di volontariato, di italiano per stranieri, dibattiti, seminari ed eventi su temi importanti quali i diritti umani e la discriminazione di genere, la cooperazione internazionale, il tutto arricchito da  eventi, mercatini, feste all’aperto, concerti, cineforum, spettacoli teatrali, mostre. Insomma, una ricchezza incalcolabile per gli abitanti del XIV municipio.

Il 27 aprile alle ore 10 ci sarà una manifestazione per dire no allo sgombero organizzata da TAM, Antonio Cotogni e Energia per i Diritti umani. Le associazioni stanno invitando alla partecipazione per aprire un interscambio e per sensibilizzarli sul tema tutte le forze politiche del XIV Municipio e i candidati sindaco: al momento hanno aderito i consiglieri Modoni e Papini, il presidente Barletta e il candidato sindaco Fassina. Ma l’invito è rivolto anche a tutti i cittadini che non vogliono far chiudere il centro e non far fermare le tante attività di integrazione e culturali nel loro quartiere, ai membri delle associazioni (parteciperà già Vengo da Primavalle) e a tutti i sostenitori XIV e del Comune, nonché alla stampa.

I fatti:            

  • Nel 2002 questi locali siti in via Federico Borromeo 75 sono stati assegnati alle associazioni Antonio Cotogni (che si occupa di musica e canto e di ricerca vocale), TAM – Teatro in movimento (che organizza laboratori e spettacoli teatrali e lavora anche con i malati psichiatrici), Energia per i Diritti umani (che si occupa di volontariato, cooperazione internazionale e di diritti umani con corsi ed eventi).
  • Nel 2014 la concessione è scaduta. Le tre associazioni, che nel corso degli anni non hanno mai smesso di fare attività culturali ed educative, hanno presentato regolare richiesta di proroga. La risposta è stata di accoglimento, di rassicurazioni e di raccomandazione a continuare a pagare regolarmente il canone agevolato presso la Romeo, cosa regolarmente avvenuta. L’iter non è andato a buon fine a causa del proscioglimento del consiglio comunale e al commissariamento del Comune.

La beffa

Lunedì scorso fa al TAM è arrivata la famigerata lettera che sta colpendo le onlus capitoline: lasciare bonariamente entro dieci giorni i locali e di pagare due anni di affitti arretrati “a prezzo di mercato”, poiché non più in diritto di un canone agevolato. Si aggira a circa 12.000 euro di arretrati ad associazione, per un totale che stimiamo supererà i 40.000 euro.