8 dicembre 2016

La conferenza stampa apre il GP di Spagna

Inizia il GP di Spagna e sul circuito di Jerez de la Frontera va in scena la conferenza stampa di apertura. I protagonisti della classe regina introducono quello che sarà il quarto appuntamento della stagione con il Campionato del Mondo MotoGP™ che torna in Europa dopo il suo inizio qataro e l’approdo in America.

All’incontro con i media mondiali si presentano Marc Marquez, l’attuale leader iridato di Repsol Honda, Jorge Lorenzo, secondo in classifica e portacolori Movistar Yamaha, Adrea Dovizioso del team Ducati, Maverick Viñales, Suzuki Ecstar e Scott Redding, Ducati Octo Pramac Yakhnich. Con i piloti c’è anche Lin Jarvis, managing director Yamaha; il massimo responsabile della scuderia Movistar ha risposto alle domande di giornalisti sulla future composizione della scuderia dopo il salute del numero 99 che nel 2017 diventerà pilota Ducati.

Come primo della classifica iridata è Marquez a parlare per primo: “La prima gara in Europa e la prima gara in Spagna, sarà un GP speciale”, afferma il talento di Cervera. “Da adesso in avanati le piste saranno diverse da Austin e vedremo come riusciremo a preparare la moto su questi circuiti a partire da domani, in ogni caso sono soddisfatto perché ad ogni GP ho delle sensazioni migliori sulla moto. Naturamele questa è una pista dove Lorenzo è forte e l’anno è ancora lungo. Sarà interessante vederlo sulla Ducati”.

Lorenzo, questa settimana al centro dell’attenzione dei media per il cambio di scuderia dalla prossima stagione parla inevitabilmente della sua decisione: “Una delle più importanti della mia vita ma adesso sono concentrato solo sul presente e sul campionato 2016. La motivazione è stata provare a vincere con un’altra moto, necessitavo di questo cambio per aumentare le mie motivazioni e lavorare ancora meglio ma lottare per la corona iridata con la mia scuderia attuale è adesso il mio obiettivo principale. Ho solo messo una certezza sul mio futuro ma adesso mi aspetta questo fine settimana. A Jerez l’anno scorso ho fatto una bella gara e quest’anno la stagione è iniziata bene, sono caduto in Argentina ma poi il risultato in Texas è stato buono in ottica mondiale. Abbiamo più potenziale dell’anno scorso e possiamo vincere”, addentrandosi nel suo futuro in rosso commenta rispondendo alle domande. “Non ho ancora parlato con Stoner e non ho idea su quale sarà il mio compagno di box nella prossima stagione. Non dipende da me ma mi piacerebbe avere il maggior numero di persone competenti attorno. Avrò più certezza quando salirò sulla moto o a Valencia a campionato concluso o dopo. Ducati è come la Ferrari, credo che i suoi tifosi abbiano un rapporto particolare con la scuderia; se vinco posso fare la storia”.

Dovizioso è stato senza dubbio il pilota con più problemi in questo inizio stagione dopo i due ritiri in Argentina e ad Austin a causa di due cadute “Abbiamo avuto la opportunità di lottare per il podio ma la posizione in campionato non rispecchia le nostre potenzialità” Ha detto il forlivese, incolpevolmente nella ghiaia nei due passati GP e che punta al suo primo risultato senza ombre. “Arriviamo in Europa e sarà molto interessante vedere quello che potremo fare su questi circuiti, la moto va bene. Penso il risultato e non a quello che è successo negli scorsi GP; non ho commesso errori e sono tranquillo ma la posizione in campionato mi fa pensare”. Parlando della del futuro binomio Lorenzo – Ducati il numero 4 del team italiano dice: “Tutto il mondo sa che ora sa che le nostre moto sono competitive e per l’anno prossimo il team Ducati avrà un campione del mondo. Io penso al futuro ma la mia attenzione più grande è volta a fare bene in questa stagione, sono tranquillo ed è la cosa più importante”.

Viñales sta interpretando un avvio di 2016 convincente dopo l’ottimo precampionato. Il pubblico di Jerez spera di vederlo raggiungere anche quel podio che per il pilota catalano sarebbe pienamente meritato; commenta i movimenti di mercato che Io vedrebbero in direzione Yamaha: “Sono tranquillo ed è positivo se due Case così importanti (Suzuki, la sua attuale e Yamaha, ndr) ti vogliono. Anche io sono concentrato sul lavoro con Suzuki per esprimere al massimo il nostro potenziale e raggiungere i migliori risultati possibili. Siamo vicini al podio e in Europa possiamo fare bene”. Il pilota Ecstar rispende ad una domanda interessante, se preferirebbe in ottica futura fare la storia con Suzuki o vincere con altra scuderia. “In ogni caso sarebbe una cosa di incredibile importanza per me”, afferma aggiungendo anche nel caso si trovasse a dividere il box con Rossi sarebbe un’esperienza molto formativa. “Adesso e con serenità devo decidere e inciderà sul mio futuro. Dovrà scegliere quello che più mi conviene, con il cuore e con la testa intendo seguire il mio cammino”.

Dopo un convincente inizio di annata, Redding ha concluso l’ultima gara in sesta posizione e ora prova a continuare con i buoni risultati per altro previsti durante la preparazione al campionato. “Poco a poco andiamo migliorando”, commenta il britannico. “Abbiamo avuto qualche problema poi risolto in Texas. Necessitiamo ancora un po’ di tempo per raggiungere la condizione miglior ma tutto procede per il verso giusto”.

Con Dovizioso, Redding è il secondo pilota Ducati presente alla conferenza stampa e anche lui ha concordato, rispondendo alla domanda su quale sia la chiave della moto di Borgo Panigale, futuro prototipo dell’attuale campione del mondo i due ducatisti hanno concordato sul fatto che la potenza del motore e l’accelerazione in curva sia il punto in più della due rute Borgo Panigale.

Lin Jarvis: “È stato brutto perdere Lorenzo; arriviamo a fine di un’era, è molto triste. Credo che Jorge possa essere il numero 1 anche in futuro. Non è stato facile tenere due piloti forti nello stesso box ma continueremo a farlo”, dice la massima carica del box Movistar Yamaha che aggiunge particolari sulla seconda guida in sella alla M1 nel 2017: “Ci sono alcuni nomi che stiamo valutando e stiamo parlando con i loro manager, sia futuri talenti sia consolidati campioni. Non sarà facile e ci sono molte cose da considerare, ci prederemo il nostro tempo e poi faremo la decisone migliore”, e sul retroscena della fine del rapporto tra Lorenzo e Yamaha Jarvis dice: “Abbiamo fatto la migliore offerta a Jorge, avevamo i due piloti migliori e cambiare la line up non era l’opzione che volevamo. La fine del rapporto è stato buono e corretto, come tutti questi nove anni”. Termina quando i giornalisti gli chiedono qualche nome: “Si, Maverick mi piace, ma come detto stiamo valutando vari nomi e poi decideremo rendendo subito pubblica la nostra scelta. Marquez? Bella domanda. Ma penso sia difficile che possa diventare il compagno di scuderia di Valentino Rossi”.

Da venerdì la parola passerà alla pista con le prime prove libere del GP di Spagna. Aprirà la Moto3™ alle 9:00 con la FP1.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.