2 dicembre 2016

La “CSI Clai Solovolley” porta gli alunni della scuola primaria “Quinto Casadio” all’ “Autodromo di Imola” per conoscere la Superbike

Novità assoluta in Italia il progetto “made in Imola” che unisce lo sport del motociclismo, educazione ed istruzione per i “pulcini” delle scuole elementari, ideato ed organizzato dal personale dell’ “Istituto Comprensivo N.2” coordinato dalla Dott.ssa Ernestina Spiotta ed in collaborazione con la società “CSI Clai Solovolley” di Imola per volontà del Presidente Maurizio Barelli.

106 bambini tra i 6 e gli 11 anni per la scuola primaria imolese “Quinto Casadio”, accompagnati da 10 insegnanti, suddivisi in 5 classi, visiteranno il WSBK “Campionato del Mondo Superbike 2016” in occasione della gara prevista all’ “Autodromo di Imola” per tutta la giornata del prossimo giovedì 28 Aprile.

Una giornata sostenuta da una donazione per vedere dal vivo, conoscere i piloti e gli addetti ai lavori che populano il massimo evento mondiale delle motociclette derivanti dalla produzione di serie.

Il WSBK “Campionato del Mondo Superbike” è certamente un evento sportivo di prim’ ordine, ma anche una fiera, un meeting mondiale a cielo aperto, con uffici mobili, prodotti e marchi da promuovere, un equilibrio tra fattori mediatici, promozionali e tecnici che affollano un mercato vero e proprio condizionato da regole dedicate il quale rappresenta per questi bambini una interessante occasione per conoscere attraverso l’ attrazione per lo sport, una sana competizione libera dai doping ed una interessante possibilità di sviluppo di se stessi prima come sportivi, poi da adulti come figure professionali.

I nostri bambini e bambine potranno “respirare l’ aria del motociclismo”, avvicinarsi alle rombanti motociclette in fase di preparazione, percepire le emozioni che provano i piloti parlando con loro, carpire le motivazioni che li spingono ad inseguire un sogno, un obiettivo comune, e poi conoscere l’ approccio, lo stile di vita che mantengono per migliorare se stessi, per primeggiare nello sport e nella vita.

Non solo vivere le sensazioni, il brivido, il piacere che la motocicletta trasmette ai giovani piloti, di cui tutto il “circus” è inebriato e da cui tutto il pubblico è attratto, ma anche apprendere la disciplina e la metodologia che ne caratterizza la prestazione finale. Lo sport come stile di vita ed educazione che forma giovani donne, uomini e li prepara adeguatamente, con i giusti principi e le corrette strategie per vincere poi da adulti la propria sfida sul mercato del lavoro internazionale.

Inoltre i bambini avranno l’ occasione di notare le regole ed i meccanismi che condizionano lo svolgimento delle attività sportive, tecniche, mediatiche ed economiche di un evento di portata mondiale nel territorio imolese, in cui intervengono proficui connubui tra aziende, promotori, istituzioni, tecnici e giovani sportivi. Non solo sport, ma anche opportunità di formazione e lavoro per piloti, ingegneri, dirigenti e marketing manager,  sarà possibile assistere al regolare funzionamento dei singoli gruppi di lavoro, quali le squadre corse, le aziende costruttrici di motociclette, i fornitori di accessori tecnici e di servizi.

Scuola primaria elementare “Quinto Casadio”:

Nell’ ambito dei progetti didattici afferenti l’acquisizione di competenze trasversali, la scuola primaria “Quinto Casadio” di Imola ha presentato il “Progetto Superbike” il quale ha come obiettivo la conoscenza dello svolgimento delle attività sportive e organizzative del campionato del mondo di motociclismo Superbike.

Tale progetto prevede una moltitudine di attività didattiche volte alla formazione degli alunni, quali:
– Acquisizione di competenze a carattere sociale, in relazione alla cittadinanza, all’ ambiente, alla salute ed all’ affettività;
– Conoscere la realtà cittadina: l’ “Autodromo di Imola”;
– Conoscenza delle attività tecnico/organizzative di una gara del campionato del mondo di motociclismo Superbike;
– Rispetto delle regole di guida;
– Approccio alla realtà economica imolese;
– Visita all’autodromo durante l’ organizzazione della gara motociclistica;
– Rielaborazione grafico pittorica e testuale in classe;
– Lezioni frontali.

L’ “Autodromo di Imola”

Questa escursione scolastica evidenzia le opportunità che offre il territorio imolese in presenza di un impianto sportivo totalmente rinnovato che ospita ogni anno attrazioni mondiali, offre alta visibilità alla città ed al proprio indotto economico a partire dalle fiorenti aziende locali, crea occupazione e promozione con una esclusiva vetrina mondiale, un’ opportunità unica ed indispensabile che da decenni rappresenta il biglietto da visita per promuovere le nostre aziende sui mercati internazionali. Ma non solo, l’ “Autodromo di Imola” è anche una storica risorsa turistica e ricreativa per la città per gli ospiti che tutti gli anni giungono in riva al Santerno, l’ impianto è immerso nel verde delle colline dei parchi imolesi a pochi passi dal centro cittadino, adeguatamente servito, circondato da corsi d’acqua con punti di sosta, ristoro, centri benessere ed intrattenimento che ne rendono piacevole il soggiorno e la permanenza.

Nel 2012 l’ “Autodromo di Imola” è stato assegnato dal “Comune di Imola” in gestione per un periodo di 64 anni al “Con.Ami”, società a capitale pubblico, che ne regola anche le relazioni con i promotori e gli organizzatori attraverso la controllata “Formula Imola s.p.a.”. Dal mese di febbraio 2016 il Dott.Pier Giovanni Ricci è il direttore generale dell’ autodromo.

Dal punto di vista morfologico degli spazi e delle strutture fisiche complementari, il circuito è all’avanguardia in termini di flessibilità e funzionalità essendo in grado di ospitare, oltre alle competizioni motoristiche di velocità, anche altre manifestazioni sportive e non, eventi musicali e culturali. L’autodromo si mette inoltre al servizio delle aziende per svariati utilizzi, primo tra tutti i test dei veicoli delle Case
motociclistiche e  automobilistiche più prestigiose. L’impiego polifunzionale del circuito rappresenta infatti uno dei più importanti driver di sviluppo del piano industriale dell’Autodromo, permettendo di sfruttare al massimo il patrimonio immobiliare, territoriale e organizzativo che il complesso esprime, per garantire l’indotto sul contesto circostante grazie a revenue economiche con caratteristiche di continuità e di programmabilità.

Dott.ssa Ernestina Spiotta (Dirigente Scolastico IC2_Imola): “La scuola ha l’importantissimo ruolo di contribuire alla formazione socio-culturale della persona ed è parte integrante di un sistema che ha le stesse finalità. L’efficacia della scuola è determinata dalla sua capacità di porsi in sintonia con il territorio e con le altre “agenzie formative” dello stesso. È da queste premesse che è partito il progetto “Superbike”, sono queste le “sinergie virtuose” che, a partire dall’idea fino all’esperienza del 28 aprile, hanno dato vita ad un evento che rappresenta una tappa fondamentale di un processo di “riappropriazione” di una parte importante e rappresentativa della città da parte di tutti i cittadini imolesi a partire dai più piccoli, i bambini e le bambine della scuola Casadio dell’Istituto Comprensivo n°2 di Imola. Il “luogo simbolo” di Imola, l’autodromo, una volta spazio riservato esclusivamente agli “appassionati” diviene, finalmente, spazio per tutti, dimensione di apprendimento e di formazione. Fiera di far parte, in qualità di dirigente scolastico, di questo processo, ringrazio tutte le persone che hanno lavorato e che lavorano al progetto Superbike”.

Presidente Maurizio Barelli (CSI Clai Solovolley – Imola): “E’ esperienza certamente interessante conoscere la vita dei piloti e dei tecnici che seguono le gare della Superbike. Ancor più importante per queste questi piccoli che si affacciano alla vita è comprendere che il risultato finale (a volte entusiasmante e a volte molto meno) deriva da un impegno costante sia del pilota o dell’atleta, sia di tutto il contorno (tecnici, dirigenti, ecc.) che non sono contorno ma essenza dell’attività di vertice. Altro elemento che assume contorni educativi di spessore è rendersi conto che la disciplina, le regole, le modalità, tutto serve per ottenere risultati. Nello sport e nella vita. Nulla è scontato se si ha un obiettivo. E il primo obiettivo per questi nostri figli è di capire che essere persona attiva, protagonista, impegnata a camminare sulla strada giusta, non è un optional ma l’essenza di una vita vissuta con i piedi per terra e la barra dritta”.

Mr. Cristian Marocchi (P.r. Coordinator): “Una interessante iniziativa che unisce la formazione dei nostri bambini al divertimento, in una giornata con una forte dose di emozioni che il motociclismo sa come trasmettere. Una esperienza che lascerà un ricordo indelebile nei bambini che per merito di questo impianto completamente rinnovato e ricco di eventi hanno la possiblità di conoscere non solo l’ aspetto sportivo e mediatico dell’ evento visitato, ma anche considerare l’ autodromo come una possibilità di lavoro per il proprio futuro, una occasione, una opportunità di svolgere piacevolmente il proprio compito con dedizione, motivati dalla semplice passione per lo sport, nonchè percepire l’ area come uno spazio per stimolare e sviluppare nuove idee in sinergia con il territorio circostante. Ringrazio per la disponibilità tutti quanti hanno permesso di svilluppare questa idea a partire dalla dirigente scolatica, la Dott.ssa Spiotta con il personale dell’ “Istituto Comprensivo N.2”, le insegnanti ed i genitori della scuola primaria “Quinto Casadio”, il Presidente Barelli e tutta la società “CSI Clai Solovolley”, la dirigenza ed i rappresentanti di “Dorna” organizzatore del campionato del mondo Superbike, tutte le squadre corse ed i piloti che hanno aderito al progetto”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.