23 febbraio 2017

Ferrero, Rif. Comunista: “Bisogna specificare quando si parla di sinistra, quella di Renzi non lo è”

Paolo Ferrero, segretario di Rifondazione Comunista, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

In merito all’intervista del suo predecessore Fausto Bertinotti, che al Corriere ha spiegato i suoi rapporti con il mondo di Comunione e Liberazione e ha parlato di fine della sinistra italiana. “Non condivido quello che dice quando parla di eutanasia del movimento operaio –ha affermato Ferrero-. Negli ultimi 30 anni la sinistra si è divisa. C’è una sinistra socialista che è stata protagonista di politiche neoliberiste che stanno distruggendo il welfare e la democrazia, tutte le conquiste del movimento dei lavoratori. E dall’altro lato c’è la sinistra anti-liberista. Far finta che sia tutto la stessa cosa non funziona, perché la parola sinistra oggi non dice quasi nulla, bisogna specificare quale. La sinistra di Hollande che vende cacciabombardieri e quella di Renzi che distrugge i diritti dei lavoratori è fallita. Poi c’è una sinistra che si batte affinchè la ricchezza che abbiamo sia distribuita, e che lavora contro il razzismo e per l’accoglienza”.

“La sinistra di Renzi fa le stesse cose che faceva Berlusconi quindi non ha nulla di sinistra –ha spiegato Ferrero-. La sinistra di alternativa si è suicidata quando Bertinotti è stato presidente della Camera, perché molta gente ha pensato: siete riusciti ad andare al governo ma non sta cambiando nulla e quindi anche voi siete diventati come gli altri. Qualche responsabilità ce l’ha anche Bertinotti quindi. Da quel momento noi stiamo cercando di rimettere insieme i cocci cercando di ricostruire una sinistra unita. Lo stiamo facendo a partire dalle elezioni comunali”.

“Bisogna guardare alle cose come sono cambiate senza farsi prendere in giro –ha aggiunto Ferrero-. I ricchi sono più ricchi di 50 anni fa e i poveri sono di più rispetto a 50 anni fa. Dire che lo sfruttamento del popolo è aumentato potrà sembrare un linguaggio retrò, ma questa è la realtà. Tutti i giovani di 20 anni oggi stanno peggio di come stavano 30 anni fa perché qualcuno guadagna sulle loro spalle sfruttandoli, molto più di quanto accadeva 30 anni fa. Il Jobs act ha tolto dei diritti, ormai tutti i lavoratori sono sottoposti al ricatto del licenziamento. E’ in corso una repressione dei delegati sindacali combattivi all’interno delle fabbriche. Renzi ha fatto un favore ai padroni, ai datori di lavoro, a quelli che vivono e guadagnano sul lavoro degli altri”.

Fonte: Radio Cusano Campus