11 dicembre 2016

Roma – Onorato, Lista Marchini: “Se l’affluenza sarà sopra il 60% Marchini va al ballottaggio e vince”

Alessandro Onorato (Lista Marchini) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito alle elezioni amministrative a Roma.

“Renzi ha piazzato le elezioni il 5 giugno, a ridosso di un ponte festivo, per far votare meno persone possibile –ha affermato Onorato-. Così vanno a votare le truppe cammellate, quelli che votano a prescindere un determinato partito perchè sono militanti da 300 anni, oppure le truppe clientelari, quelli a cui ha promesso posti, quelli ci guadagnano sulle cooperative, sui campi rom. Renzi punta a tenere basso il quorum e punta sul voto di opinione. A Roma esistono almeno 300-400mila voti di scambio. Qui altro che nuovi assunti, noi dobbiamo far lavorare bene, valorizzando chi merita. Noi, non solo non assumeremo nessuno riconducibile a noi, riorganizzeremo proprio la macchina amministrativa. Semplificheremo tutto, distruggeremo la burocrazia. Con noi chi prende la multa, non dovrà andare alla posta, faremo le notifiche online, regaleremo la Pec a ogni cittadino. Se annienti la burocrazia, eviti anche che si creino momenti di corruzione. C’è una corruzione così alta anche perché è tutto complicato e si cercano scorciatoie. A differenza dell’Unità che fa finti scoop sulla Raggi per denigrarla, noi non ci prestiamo a questo gioco. Noi ci proponiamo per cambiare le cose, il M5S si augura che le cose vadano male per guadagnare voti. Noi abbiamo competenza e proposte. I sondaggi da 10 giorni a questa parte sono in netto miglioramento, noi saliamo e gli altri scendono. La Raggi è scesa dal 27 al 24, noi siamo al 15. Appena arriverà la par condicio, noi saliremo clamorosamente nei sondaggi perché avremo le stesse apparizioni tv. Più persone libere votano, più possibilità ha Marchini di andare al ballottaggio. Dopodichè, se non vinciamo avremo la coscienza a posto perché ci abbiamo provato a cambiare Roma, torneremo a fare il lavoro che facciamo. Se l’affluenza è sopra al 60% Marchini va al ballottaggio e al ballottaggio vince contro chiunque. Quelli che vivono con le cooperative è chiaro che non voteranno Marchini. Noi neanche li vogliamo quei voti. Mi sembra di capire che la Raggi abbia un po’ di difficoltà. Il 21 aprile farà un incontro al cral di Acea, questo attivismo verso Acea, nemmeno la Dc dell’epoca. Evidentemente vuole cambiare il management per metterci i propri amici. Se lo avesse fatto qualunque altro partito, i grillini li avrebbero accusati di mettere le mani sull’azienda”.

Fonte: Radio Cusano Campus