4 dicembre 2016

MotoGP™, l’inizio di stagione è di Marc Marquez

Il circuito di Jerez è un classico appuntamento del Campionato del Mondo MotoGP™. Tanti campioni si sono sfidati sull’asfalto andaluso che racconta degli storici duelli tra Doohan e Criville, tra Rossi e Gibernau, tra Lorenzo e Pedrosa e tra Marquez e Lorenzo. Qui le gare si vincono e si perdono all’ultima curva, la tredici, battezzata ‘Jorge Lorenzo’.

Dopo aver reso domabile una moto difficile da guidare, Honda e Marc Marquez hanno già trovato il primo posto in campionato. Lo spagnolo è stato l’unico pilota a salire sul podio in tutti e tre gli appuntamenti di inizio 2016; ora domina la classifica iridata con 66 punti staccando il secondo, Jorge Lorenzo di Movistar Yamaha, di 21. Fortunatamente per i suoi avversari la pista di Jerez non rappresenta il ring perfetto per il talento di Cervera così come è stato il COTA. Negli ultimi anni però, esclusa la vittoria, il numero 93 HRC è sempre arrivato sul podio.

Jorge Lorenzo dovrà provare a sottrarre punti al connazionale se vuole provare a difendere il suo titolo di campione del mondo. Ad Austin non è sembrato in grado di sfidare ad armi pari Marquez e ha interpretato comunque una gara utile per la classifica iridata mentre in Spagna può provare a vincere come l’anno scorso. Da quando è nella classe regina il maiorchino solo due volte ha mancato il podio in Andalusia e ha vinto in tre occasioni, il primo posto del 2015 ha dato il via a quattro gradini più alti consecutivi.

Terzo in campionato è Valentino Rossi, Movistar Yamaha. In Argentina il nove volte campione del mondo è caduto rendendo più difficle la sua rincorsa alla decima iride. Ora è terzo con 33 punti, metà del leader della classifica mondiale. Negli ulti due anni il Dottore è sempre finito sul podio a Jerez, collezionando 11 arrivi che contano nella sua carriera tra i quali bene sei vittorie.

Come Marquez anche Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech3, è uno dei soli sette piloti che hanno terminato le prime tre gare stagionali a punti. Con due settimi posti e un sesto posto lo spagnolo mantiene la quarta posizione con 28 punti ma è ancora alla ricerca del primo podio in un GP.

La trasferta americana di Dani Pedrosa, Repsol Honda Team, è stata di alti e bassi; a podio in Argentina e fuori dai giochi a causa di una caduta ad Austin il pilota di Sabadell ritorna il Spagna vicino all’affetto dei suoi fan. Ultimo miglior risultato a Jerez per Pedrosa fu il terzo posto del 2014.

Nella caduta del numero 26 Honda al GP delle Americhe è stato coinvolto Andrea Dovizioso, portacolori Ducati Team. Un inizio di 2016 sfortunato per il forlivese che ora guarda dal settimo posto una classifica che avrebbe potuto essere certamente migliore date le potenzialità dimostrate. Jerez è una pista non facile per le Ducati, l’anno scorso Dovizioso arrivò solo nono e meglio di lui fece il suo compagno di scuderia Andrea Iannone posizionandosi al sesto posto; il pilota di Vasto dopo l’ultima piazza utile del podio conquistata in Texas in campionato è undicesimo con sedici punti.

Hector Barbera, pilota Avintia Racing, sembra essere stato il più avvantaggiato dal cambio di regole di quest’anno: le nuove gomme Michelin e l’ elettronica unica. Nei primi tre GP ha raggiunto le migliori dieci posizioni e attualmente ha 25 punti iridati. Ora è sesto in campionato ma è il miglior ducatista della classifica mondiale.

I portacolori Suzuki Ecstar Maverick Viñales e Aleix Espargaro dopo il GP ad Austin si sono fermati sulla pista texana per lavorare ad alcune novità arrivate da Giappone. I due sono desiderosi di portare a podio l’azzurra nipponica ancora una volta, dopo l’ultimo arrivo nelle posizioni che contano che risale a otto anni fa. Di progressi ne sono stati fatti e l’obiettivo potrebbe essere vicino. Passi in avanti sono stati anche compiuti da Aprilia Racing Team Gresini con Bautista e Bradl che sulla nuova moto italiana sono andati a punti in tutte e tre le gare.

Da ultimo il ritorno di Jack Miller, pilota Estrella Galicia 0,0, che rientrerà al GP di Jerez dopo la defezione ad Austin causata dell’aggravarsi dell’infortunio alla caviglia rimediato nel precampionato.

La classe regina scenderà in pista alle ore 9:55 locali di venerdì 22 aprile per le prime prove libere del GP di Spagna.

Fonte: motogp.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.