5 dicembre 2016

Frosinone – Marcello Veneziani giovedì con il suo “Comizio d’amore” per l’Italia

 

C’è ancora speranza che l’Italia diventi un Paese migliore, un Paese coeso, raccolto intorno a un sentimento di appartenenza oggi appannato?  A questi interrogativi darà una risposta il “Comizio d’amore” che lo scrittore e giornalista Marcello Veneziani terrà a Frosinone giovedì 21 aprile alle 18 all’auditorium comunale “Paolino Colapietro” in via Grappelli a Frosinone (zona Campo Coni). Il celebre intellettuale è infatti impegnato, dallo scorso settembre, in un vero e proprio tour in tutta Italia per risvegliare il patriottismo sopito e per ritrovare gli elementi fondanti di una comunità nazionale, recuperando “possibili forme di integrazione, identità e co-appartenenza alla comunità che chiamiamo Italia”. L’evento, di tipo culturale e civile, non partitico, patrocinato dal Comune di Frosinone, è incentrato sulla voglia di essere, diventare e tornare ad essere italiani. Il “Comizio d’amore”, introdotto da Riccardo Mastrangeli, organizzatore della serata, si compone di un monologo che, accompagnato da video, musica e letture, trae spunto dagli scritti e dalle riflessioni dello stesso Veneziani. Voce recitante della serata, Claudia Conte. Si tratta di un grande atto d’amore, quasi disperato, rivolto alla Patria, un racconto con innesti musicali, passi recitati, immagini e riprese cine-televisive, incentrato sul risveglio d’Italia dal torpore depresso dei nostri giorni e che rievoca momenti straordinari della vita del Paese destinato innanzitutto ai giovani, ai quali si sta togliendo anche la cosa loro più dovuta: il diritto di sognare. “Ho gerarchie d’amore; amo prima e di più chi mi è più caro e più vicino, come è naturale”, ha detto Veneziani in riferimento al suo “Comizio d’amore”. “Vorrei che l’Italia fossero pure i figli dei miei figli. Vorrei poi che l’Italia premiasse i migliori e punisse i peggiori, ma voglio che resti Italia. Con l’Europa o senza. Repubblica vuol dire che l’Italia è di tutti e lo spirito pubblico prevale sull’interesse privato. Ma dire Repubblica è troppo poco, c’è una parola più adatta: Patria. L’Italia è la mia casa, è il ritorno, è l’infanzia, il cielo e la terra che mi coprirà. Non escludo chi parte e nemmeno chi arriva. L’Italia è il ragazzo che va all’estero, l’Italia è l’immigrato che si sente italiano”. L’ingresso sarà libero.

About Samantha Lombardi 4007 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it