7 dicembre 2016

David di Donatello, sei per Jeeg Robot, il primo e ultimo supereroe italiano

Il 18 Aprile 2016 sono stati assegnati i premi “David di Donatello”. Tra i premiati ci piace citare: miglior film “Perfetti Sconosciuti” di Paolo Genovese, miglior regista Matteo Garrone per “Il racconto dei Racconti-Tale of Tales”, miglior  regista esordiente Gabriele Mainetti per “Lo Chiamavano Jeeg Robot” (migliore attrice Ilenia Pastorelli, il miglior attore protagonista Claudio Santamaria, il miglior attore non protagonista Luca Marinelli, Antonia Truppo migliore attrice non protagonista, miglior produttore Mainetti)

Lo chiamavano Jeeg Robot.
Lo chiamavano, chi? Quelli della borgata di Tor Bella Monaca, o i passanti della Piramide Cestia, esterrefatti, dalla comparsa di un supereroe italico. Di Superman, di Spiderman, non si dice “lo chiamavano”, semplicemente si pronuncia il suo nome o il nome di chi osa sfidarlo (ultimamente la querelle  si è spinta allo scontro fra titani con “Batman vs Spiderman: Dawn of Justice”). Non vi è nessun periodare dubitativo, egli è quel che è. Ma il bello è proprio questo: Enzo (un trasformista , equilibrista, scintillante, Claudio Santamaria) è l’uomo della multietnica metropoli, insudiciata, antieroe per antonomasia, che vive “infumettato” nel fetido e ombroso appartamento caricaturale, al buio, come un declassato super pipistrello, misantropo, passa il tempo a guardare film porno e ad ingurgitare  yogurt.

Lontano dagli uomini e dal Cielo. Il caso non esiste, lui proprio lui, per sfuggire alla morte, si immerge nelle acque  putrescenti  di un Tevere,  un tempo quasi dal  sapor  rupestro, ed emerge  trasformato. Meraviglioso pensiero far associare le acque del “Biondo” alla criptonite (la giunta capitolina faccia qualcosa!) Ma attenzione, Enzo non sa d’esser Jeeg Robot! Quando  Alessia (Ilenia Pastorelli vera rivelazione per autenticità e talento cristallino) la “fanciulla della porta accanto”, ossessionata dai fumetti manga, gli dice in faccia candidamente: ”Ma tu sei Hiroshi Shiba “, eccolo là che Enzo non è più lo stesso: la ragazza ”fou” tiene a battesimo il nuovo Enzo-Jeeg Robot, lo chiama la prima volta, gli dà il soprannome da super eroe, per la prima volta, come fa la mamma con il suo neonato. Ma il tipo  non ci pensa proprio a salvar vite,  non  sa come ci si maschera (fino a quando non lo scopre) e non ha una doppia vita , anzi si tiene stretta la propria come fosse un peluche. La fanciulla è  orfana e sola al mondo, causa regolamento di conti tra trafficanti,  e si invaghisce del suo eroe.

Così il Jeeg, pigro e indolente, si mette a fare un po’ il super eroe e ci riesce bene: alza un  tram, mentre sullo sfondo nubi esplosive fanno pensare ad un attentato. La realtà è cruda, crudissima : sangue,  ammazzamenti, esecuzioni e miserie. La città è ancora preda del crimine organizzato. Ma c’è un retrogusto agrodolce che invita a  sognare: c’è il nostro Jeeg. Venature surreali  attraversate, a tratti, da correnti mèlo, dove il cattivo e il buono si scontrano. Il cattivo qui è  il capoclan  detto lo Zingaro (il favoloso, fantasmagorico Luca Marinelli) che cade  anch’egli nel fiume e assume i super poteri. Lui si che diventa  molto, molto cattivo ( ci fa pensare al film “The Mask” quando  la maschera, se indossata in volto,  potenzia la natura malvagia o  surreale della persona) e si scontra contro la capo clan camorrista Nunzia (un’eccellente e ispirata Antonia Truppo). Il film di Mainetti  sembra respirare al suo interno quelle atmosfere  esemplari  già vive in “Suburra”, “Non Essere Cattivo” e nel, per così dire, più antico “La Banda della Magliana”.

Film dove eroina ed eroe  purificano la propria tormentata esistenza con il sangue, con il fuoco, con la morte, ma anche con la poesia della vita. Il regista fa scorrere in una bella fotografia un film riuscito. Tutti bravi. Un genere made in Italy che si vuole, a modo proprio, affrancare dall’America, magari anche per gioco, ironicamente. I pochi effetti speciali, artigianali e poco più, impreziosiscono le inquadrature di naturalezza e virtuosismo. Non siamo sui grattacieli, ma Jeeg, pensieroso, guarda la Città Eterna (e ne ha ben d’onde) Una storia  corale. Premi meritati.

Appendice
Ostia Mon Amour!

“Non essere Cattivo” di Claudio Caligari (ultimo della trilogia di “Amore tossico”, “L’odore della Notte” ,del regista recentemente scomparso) pur avendo avuto molte nomination ha ricevuto un solo premio (premio per miglior fonico di presa diretta ad Angelo Bonanni, per altro meritatissimo). E chissà se l’espressione di Valerio Mastrandrea (sul palco per festeggiare il premio di miglior film con il cast di “Perfetti Sconosciuti”) celasse un po’ di quella commozione che ci ha colti: quel Mastrandrea che ha lavorato fino all’ultimo con Caligari, lottando affinchè il film terminasse le riprese. Film magnifico, poetico, struggente, nostalgico. Cinema scomparso? No. I suoi attori, Alessandro Borghi (nel film Vittorio, e chi non pensa al personaggio di “Accattone”) e Luca Marinelli (nel film Cesare, come il Cesare in “Amore Tossico”) vivono in “Suburra” e in “Lo chiamavano Jeeg Robot”. Con la forza e l’incoscienza di quando  si è amato qualcuno disperatamente. Quegli amori maledetti, alla rotonda, al lungomare Toscanelli.

Siamo ancora figli tuoi.

Non ti dimentichiamo.

Grazie Claudio. Ciao maestro.

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 63 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.