3 dicembre 2016

Roma – Salvini: “Meloni è l’unica che può battere la Raggi, primo punto lotta al malaffare”

MATTEO SALVINI

 

Il leader della Lega, Matteo Salvini, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Salvini ha ribadito che Giorgia Meloni è l’unica scelta possibile a Roma per arrivare al ballottaggio e sfidare Virginia Raggi: “I sondaggi? Alcuni danno in clamorosa ascesa Giorgia Meloni e la danno come unica possibile sfidante di Virginia Raggi al ballottaggio. E’ quello che avevo intuito già un mese fa, al di là dei sondaggi, parlando con la gente. Se il centrodestra vuole vincere per dare una bella ripulita a Roma può farlo solo con Giorgia Meloni e con la Lega. A Roma scegliendo Giorgia Meloni e la Lega si può vincere. Se altri fanno scelte solitarie e perdenti non aiutano i romani”.

Su Forza Italia, che alcuni descrivono come spaccata in due, tra chi vorrebbe appoggiare Giorgia Meloni e chi invece preferirebbe andare con Marchini: “Non mi permetto di dare giudizi in casa altrui, sicuramente l’unico candidato del centrodestra che può arrivare al ballottaggio con il Movimento Cinque Stelle e vincere è Giorgia Meloni. Tutto il resto è di contorno. Io ricordo che l’asse con la Lega e con FDI è quello che governa il Veneto, la Lombardia e la Liguria. Se uno vuole fare altri esperimenti gli faccio i miei auguri, se uno vuole seriamente cercare di vincere a Roma e mandare a casa Renzi la scelta è una sola“.

Su Roma Salvini assicura il massimo impegno, assieme a Giorgia Meloni, nella lotta al malaffare: “La lotta al malaffare sarà una delle nostre battaglie principali. La prima e la più dura. Come abbiamo visto con mafia capitale le incrostazioni sono vecchie, non conoscono distinzioni politiche, colpiscono a destra, a sinistra, politici, funzionari e imprenditori. Serve un’opera di ripulitura totale da cima a fondo. Noi avremo in lista, come candidati Lega e Noi con Salvini, persone quasi del tutto nuove ed esterne e lontane da ciò che è successo in passato. Questa è una garanzia in più”.

Salvini ha le ricette per rilanciare Roma: “La cosa più importante è l’onestà.  Senza onestà non vai da nessuna parte. Poi, però, servono le idee chiare. Qui ci sono un servizio di trasporto pubblico lontano dall’efficienza, parcheggi introvabili, situazioni di sicurezza da città non europea, abbiamo le idee chiare su come cominciare ad amministrare Roma”.

Salvini, poi, è tornato sul viaggio del Papa a Lesbo: “Il Papa parla alle anime, chi amministra la cosa pubblica poi deve pensare alla gente in carne e ossa. Temo che ci siano riscontri per il futuro decisamente poco utili e negativi. E’ facile prendere l’aereo dal Vaticano, andare 5 ore in Grecia, fare il sermone e tornare a casa con 12 immigrati per dire che tutti dovrebbero fare così. Il problema è che in Italia non c’è più spazio, non c’è più casa, non c’è più lavoro per gli italiani, figuriamoci per altre decine di migliaia di clandestini, perché questo sono. Il messaggio del Papa è avanti tutti, perché se uno è davvero buono e cristiano ospita, mentre se uno dice che bisogna rispettare delle leggi, dei numeri e delle frontiere è brutto e cattivo. Io penso che sia pericoloso lanciare un messaggio del tipo c’è posto per tutti, c’è spazio per tutti, regolari o irregolari non importa. Temo che, scendendo dall’empirio papale, tornando sulla terra, il messaggio che arriva al resto del mondo sia molto complicato da gestire”.

Fonte: Radio Cusano Campus