10 dicembre 2016

Roma – Razzi: “Se Berlusconi me lo chiede torno candidato sindaco, altrimenti sosterrò Bertolaso”

 

Antonio Razzi, senatore di Forza Italia che proprio nelle ultime ore ha annunciato il suo ritiro dalla corsa a sindaco di Roma, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Razzi conferma di essersi ritirato dalla corsa a Sindaco di Roma: “Sì, diciamo che dopo averci ripensato e ripensato gli amici che mi premevano per non andare via di stare ancora in corsa, perché i romani mi volevano e mi vogliono ancora oggi, però se vogliamo almeno arrivare al ballottaggio, non dico di vincere al primo turno, magari si vincesse al primo turno, allora bisogna andare uniti. Troppi galli in un pollaio e non fa mai giorno. Sono rammaricato, perché magari la gente pensa che Razzi non è un laureato, non è una persona che ha tante carte da dimostrare, ma io ho il curriculum di vita, ho lavorato, sono quasi settant’anni che lavoro. Ho iniziato a lavorare a otto anni”.

Razzi ha spiegato che “Se Berlusconi me lo chiede io obbedisco, lui è il mio presidente, l’unico che riconosco come mio capo, altri non li riconosco. Se lui mi chiede di andare avanti allora io vado avanti. Se mi dice io voglio a te mi tiro su le maniche e vado avanti. Ma sono anche pronto ad aiutare Bertolaso, anche attraverso i miei amici romani abruzzesi, che mi stimano e mi apprezzano, di girare il voto a Guido Bertolaso. Il candidato è lui, io sono a disposizione. Se tutti sognano di avere una poltrona e non pensano ai disagi di Roma, che è la capitale del mondo, come facciamo ad andare avanti così? Non credo che Bertolaso dovrebbe seguire le politiche del mio amico Kim Jong Un. Bertolaso è competente ed è l’unico che potrebbe risolvere i problemi di Roma. Tanti politici, dalla destra alla sinistra, hanno fallito tutto. Uno che è all’avanguardia ed è un grande lavoratore, è l’unico che può riuscirci. La Meloni è un’amica. Lei è romana, è competente. Se si vuole vincere dovrebbe fare un passo indietro, come Marchini e Storace. Un posto di rilievo per loro ci sarebbe se decidessero di appoggiare Bertolaso. Sono pronto a guidare il tavolo di lavoro del centrodestra unito a Roma”.

Il giudizio degli abruzzesi sul lavoro di Bertolaso a L’Aquila. “Gli abruzzesi esprimono grande simpatia nei confronti di Bertolaso –ha spiegato Razzi- perché è stato l’unico, insieme a Berlusconi, a prendersi a cuore L’Aquila. In meno di 6 mesi sono andati via tutti dalle baracche, hanno passato tutti l’inverno in casa. Nelle altre regioni d’Italia invece sono 30 anni che stanno ancora dentro le baracche. Bertolaso è stato un eroe a L’Aquila, anche gli americani ce lo invidiano”.

Il mare d’Abruzzo. “E’ diventato una cloaca –ha affermato Razzi-. Purtroppo ci sono diverse imbarcazioni che non possono uscire perché è vietata la pesca e i pesci muoiono ancora prima di diventare grandi, perché il mare è inquinato. I depuratori non li hanno messi nel fiume, siamo ancora all’età della pietra. Questo nella mia Svizzera non succede mai. In Corea invece l’inquinamento c’è”.

La sua canzone ‘Famme cantà’. “Io non sono un cantante e non lo sarò mai –ha precisato Razzi-. La mia esibizione al Gay village la feci per beneficienza. Per beneficienza io sono a disposizione per fare qualunque cosa. Mi esporrò a ballare, a cantare, a fare tutto per aiutare chi ha bisogno”.

Fonte: Radio Cusano Campus