7 dicembre 2016

Africa metropolitana, la nostra prova

Il ritorno dell’Africa Twin è non solo il ritorno di una leggenda ma è anche il ritorno di una moto che condensa alla grande i pregi delle moto dell’ala dorata. Equilibrio, tecnologia, affidabilità, cura dei particolari e facilità di guida sono le prime qualità che balzano al polso ed al cuore una volta saliti in sella alla Crf1000L.

La silhouette è la stessa dell’antenata con il serbatoio alto, la ruota anteriore da 21’’, quella posteriore da 18’’ ed il codino smilzo. I cilindri sono sempre due, ma stavolta sono frontemarcia e da 998 cc.. Il manovellismo da 270° le fa guadagnare molto in termini di carattere e sound. I cavalli sono 98 a 7.500 giri mentre la coppia è di 98 Nm a 6.000 giri. La pompa dell’acqua è dentro il carter frizione mentre la pompa olio è dentro la coppa; due i contralberi di bilanciamento.

Il modello da noi provato è quello dotato di cambio a doppia frizione DCT; il traction control, disinseribile, è regolabile su 3 posizioni mentre è possibile escludere l’Abs sulla ruota posteriore. Il tasto G va premuto se si intende fare del fuoristrada (ottimizza la trazione e si limita l’utilizzo della frizione).  Il telaio ricorda la vecchia Xrv ed è a semiculla in acciaio; il forcellone è in alluminio. La forcella presenta steli da 45 mm ed è pluriregolabile; al posteriore c’è un mono regolabile con leveraggio Pro-Link. All’anteriore lavorano due dischi da 310 mm, al posteriore un disco da 256 mm. Gli pneumatici sono 90/90-21 e 150/70-18.

Oltre alla linea davvero ben riuscita a colpire subito della nuova versione è il motore. La coppia è ben distribuita è chiama le marce una dopo l’altra con grande rapidità. In sella sia il pilota sia il passeggero godono di adeguati spazi ed il confort è notevole.

Teatro del test, grazie al modello messo a disposizione dalla concessionaria ufficiale Honda di Napoli, la All Roads (potete recarvi in sede per effettuare il vostro test personale), è stato il caotico traffico partenopeo e le veloci strade extraurbane  e urbane che portano nel cuore della costiera sorrentina. L’elasticità del motore e la velocità nel prendere i giri trasformano la Crf1000L in una gazzella urbana che non teme le asperità. Buche, dossi, asfalto corrugato, pezze di diverso materiale sono pane per i denti dell’Africa Twin grazie a sospensioni che lavorano egregiamente e ad un’ottima distribuzione dei pesi.

Sul pavè quando si esagera con la manetta, il traction control stabilizza la moto ed il posteriore non diventa una bandiera…. Il Dct presenta dei cambi ben calibrati anche se è possibile correggere la cambiata a piacimento grazie a due tasti presenti al semimanubrio sinistro. Quando aumenta il ritmo grazie al bilanciamento motore/ciclistica è possibile condurre la moto senza particolari patemi d’animo. La sicurezza è un aspetto molto curato su questo modello.

In sintesi la nuova Africa Twin è una moto jolly, da vivere quotidianamente. Che sia il traffico cittadino o la lontana meta estiva la cornice entro la quale muoversi, l’Africa Twin è un veicolo in grado non solo di svolgere al meglio i compiti ma di emozionare e divertire. Ben tornata leggenda!

[fbalbum url=https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1715735252045893.1073741842.1492139697738784]

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.