8 dicembre 2016

Pensioni e caffè

L’argomento pensioni è uno dei pochi capaci di tenere incollati al video milioni di persone. Ci si organizza in gruppi di ascolto, ognuno sceglie un canale e poi si fa il confronto. Se almeno due trasmissioni dicono la stessa cosa è giudicata attendibile. E’ guerra di cifre, ma lo sgomento dei pensionati è autentico e le loro storie materia viva, con difficoltà tali che al confronto l’abate Faria, quello del Conte di Motecristo, divenuto vecchio scavando il tunnel per l’evasione sembra un naufrago a cui hanno assegnato una penitenza nell’Isola dei Famosi.

Il buon vecchio abate non era inseguito da  schiere di intervistatori a caccia del pensionato anzi della pensionata. Le donne in genere prendono meno di pensione e fanno più rinunce: il parrucchiere, una borsa nuova, anche dei semplici collant certe volte.
Quando aprono la porta hanno  le bollette da pagare allineate sul tavolo della cucina come soldatini e il resto delle spese le dicono a voce. Segue l’immancabile domanda: mi dite come devo fare? Nessuno sa la risposta, per deviare l’attenzione si chiedono allora altri particolari: Lei li compra i prodotti che stanno per scadere? Quando è stata l’ultima volta che è andata in vacanza?

Certe vecchiette strabuzzano gli occhi sentendo la parola “vacanza”  e cercano coraggio nella macchinetta del caffè,  restie a lasciarla andare come fosse un’ancora di salvezza, poi fanno il sacrificio. Perchè  se è una sola intervista passi, ma al ritmo di quattro o cinque a settimana il costo del caffè comincia ad incidere. Qualcuna si azzarda a chiedere: Venite pure domani? Se volete c’è una mia amica sul pianerottolo, è vedova e sta messa maluccio. Se v’ interessa ci posso parlare. Invece le donne in pensione o prossime ad andarci, che  hanno lavorato, sono professionali ed  arrabbiate allo stesso tempo conoscono cifre e profili contributivi, terminato il servizio calcolano l’assegno pensionistico dei tecnici e li salutano dicendo: mi faccia saper se ci sono dei problemi! Al posto della moka hanno la più evoluta macchina che fa il caffè come al bar. Però le bollette sono le stesse  e le rinunce pure, che poi se hai avuto  delle responsabilità e ti ritrovi a calcolare il fabbisogno medio delle fette di prosciutto, un pò ti senti demansionata diciamo la verità… Se la pensione, come dovrebbe essere normale e tavolta non lo è, arriva si mantiene il silenzio. Zitti non lo diciamo ancora in giro, aspettiamo un pò.

Cresce il conto del caffè, sia in versione moka che in quella macchinetta, in quanto per depistare, la pensionata continua a farsi intervistare e arrivano le ultime novità. La crisi non è finita ci avvertono e ce ne eravamo accorti, ma una cosa si potrebbe fare per avviare la ripresa. Bisognerebbe morire prima, ovvero anticipare la dipartita! Giuro non è uno scherzo, è la conclusione di un ragionamento ipotetico  fatto su come  risparmiare. La spesa sociale diminuirebbe insieme  al personale  e alle ore di lavoro necessarie. Mi sembra di  sentirla la risposta delle signore che hanno speso una parte della pensione per accogliere gli intervistatori: primo mi devono saldare i caffè consumati, secondo ho un’agenda  zeppa di prenotazioni, terzo sono  in trattative con un’emittente straniera disponibile ad offrire le caimbelle. Forse mi metto in affari…