4 dicembre 2016

Giovedì 21 aprile 2016, Teatro Elicantropo di Napoli in scena “Il Grigio” di Gaber e Luporini

Giovedì 21 aprile 2016, Teatro Elicantropo di Napoli

Il grigio di Giorgio Gaber e Sandro Luporini

Giuseppe Cerrone e Antonio Piccolo portano in scena l’allegoria dei bisogni

di un’intera umanità, che trova il suo alter ego in un animaletto grigio

Sarà in scena da giovedì 21 aprile 2016 alle ore 21.00 (in replica fino a domenica 24) al Teatro Elicantropo di Napoli, per gentile concessione della Fondazione Gaber, Il grigio di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, con Antonio Piccolo, che firma anche la regia dello spettacolo con Giuseppe Cerrone, affidando il disegno luci ad Aniello Mallardo.

Dopo il recente successo di pubblico e critica de L’uomo di fumo al Piccolo Bellini di Napoli, la giovane compagnia Teatro in Fabula porta in scena una nuova produzione, che riprende la tradizione del teatro canzone e sceglie di presentarla nel luogo dove è nata e si è formata artisticamente.

Il grigio è l’unica opera di sola prosa, senza canzoni, del repertorio teatrale di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, ed è andato in scena, per la prima volta, nel 1988.

Giuseppe Cerrone e Antonio Piccolo, però, sposano l’atteggiamento che Gaber stesso ha avuto per il proprio repertorio dagli anni ’90 in poi e decidono di attuare una lieve commistione con il repertorio del Teatro Canzone.

Tre brani, Il dilemma, Quello che perde i pezzi e C’è solo la strada, conquistano il loro spazio nella messa in scena senza scavalcare la drammaturgia, suggellandone il senso e lo spirito.

Ne Il grigio un artista in crisi per la mediocrità della propria vita decide di allontanarsi da tutte le sirene del mondo, in cerca di silenzio e d’indipendenza. Trasloca in una casa di periferia tutta bianca, circondata dal verde, ideale per rimettere a posto i pensieri e raddrizzare la strada di fronte a sé.

L’isolamento si rivela, però, un’illusione. I suoi propositi sono disturbati dall’osservazione della villetta accanto, dalle visite della compagna, dell’ex fidanzata, del fratello e di chissà chi altro ancora. La necessità di una solitudine autoimposta, inoltre, deve fare i conti con l’incursione di un topolino grigio, che, all’interno di quella prigione meditativa in cui si è rinchiuso, destabilizza il suo precario equilibrio emotivo.

Il piccolo essere è incredibilmente tenace e intelligente. La sua resistenza a tutte le trappole e i marchingegni, ne ingigantisce l’importanza, tanto da trasformarsi da fuggitivo in persecutore. Così, la lotta contro l’animale, poco a poco, assume i toni di una sfida, quasi epocale, giocata  con i colori dell’ironia, irriverente ed allusiva, che caratterizza il teatro dell’artista milanese.

Quel piccolo roditore, il grigio, rappresenta il nemico per eccellenza, l’emblema di tutto ciò che sfugge alla vista e alla mente. E’ il simbolo dei fantasmi, in carne e ossa, di chi non si vuole affrontare, ed il lato umbratile degli eventi e degli uomini.